Entra nel vivo sabato con lo spettacolo HotJazz. Radiodramma su Django Reinardt la stagione del Teatro Misa di Arcevia

Entra nel vivo sabato con lo spettacolo HotJazz. Radiodramma su Django Reinardt la stagione del Teatro Misa di Arcevia

ARCEVIA – Dopo l’anticipo in dicembre, entra nel vivo sabato 12 gennaio la stagione del Teatro Misa di Arcevia promossa dal Comune e ATGTP Associazione Teatro Giovani Teatro Pirata con AMAT Associazione Marchigiana Attività Teatrali e il contributo di Ministero per i Beni e le Attività Culturali e Regione Marche.

L’appuntamento è con lo spettacolo HotJazz. Radiodramma su Django Reinardt proposto dalla compagnia Asini Bardasci scritto e diretto da Paola Ricci, e interpretato dalla voce narrante di Filippo Paolasini con i musicisti Alessandro Centolanza e Fausto Savatteri alle chitarre, Martino Pellegrini al violino, Tazio Forte a fisarmonica e pianoforte, Vito Zeno al contrabbasso.

In scena la storia del musicista zingaro Django Reinhardt, chitarrista semi-analfabeta che a Parigi, fra la fine degli anni ‘20 e ’50 del secolo scorso, esibendosi con successo sempre crescente in tutto il mondo con il Quintette du Hot Club de France a fianco del violinista italo-francese Stephane Grappelli, stabilì, di fatto, il canone del jazz europeo e dello stile manouche mettendo insieme musica zigana e sinti, swing, bal-musette popolare francese e audacie del bebop afroamericano.

Reinhardt non fu solo un musicista dal talento immenso – malgrado, diciottenne, avesse perso l’uso di tre dita della mano sinistra nell’incendio della sua roulotte – dalla carriera brillante, dalla vita per certi versi improbabile (da cui Woody Allen aveva tratto ispirazione, caricaturalizzandola un po’, per il film “Accordi e Disaccordi” con Sean Penn) e fonte di ispirazione per generazioni di chitarristi: fu anche un uomo che non dimenticò mai le proprie radici e la sua cultura zingara.

Due chitarre, un pianoforte, un contrabbasso, una fisarmonica e un violino accompagnano la voce narrante dagli esordi fino al 1953, anno della morte dell’artista a soli 43 anni: gli anni d’oro, la guerra, Parigi, l’America, e soprattutto la musica a cui Reinhardt ha dedicato tutta la sua vita.

 Biglietti in vendita a €. 15 per la platea e i palchi centrali e €. 12 per i palchi laterali, con riduzioni previste per under 25, over 65 e convenzioni varie, alla Biglietteria del Teatro Misa aperta il giorno dello spettacolo dalle ore 20.00, nei punti vendita del circuito AMAT/VivatTicket e on-line www.vivaticket.it Call center dello Spettacolo delle Marche 071/2133600.

Info Teatro Misa tel. 334/1684688, ATGTP tel. 0731/56590 www.atgtp.it info@atgtp.it, AMAT tel. 071/2072439 www.amatmarche.net e Call center 071/2133600.

Inizio ore 21.15

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it