Il Movimento Urbino Città Ideale impegnato nella ricostruzione di una comunità coesa e serena

Il Movimento Urbino Città Ideale impegnato nella ricostruzione di una comunità coesa e serena

URBINO – Il Movimento Urbino Città Ideale, presso la struttura di San Cassiano a Cavallino di Urbino,  ha organizzato la cena di Natale. E’ stata un’occasione conviviale, sono stati trattati argomenti  politici e di solidarietà. Alla serata era presente il Sindaco Maurizio Gambini, autorità e tanta gente. Nel corso della serata sono intervenuti, in ordine, il consigliere di riferimento Gianfranco Fedrigucci, il sindaco Gambini e il coordinatore del movimento Lino Mechelli.  Trovandoci a Cavallino, non potevamo  trascurare il personaggio rappresentato da Marica Branchesi, una delle 100 personalità al top del mondo,  con un momento di sincera partecipazione familiare.

Gianfranco Fedrigucci, nel suo intervento ha spiegato le ragioni della sua uscita dal gruppo consiliare PD e l’adesione al movimento. Fedrigucci ha dichiarato di aver vissuto il periodo della legislatura con grande disagio, chiamato a condividere  atteggiamenti polemici del tutto inutili, personalismi esasperati  e  veleni, finalmente libero di valutare serenamente, ha concluso.

Il Sindaco Gambini ha iniziato dicendo, in questa legislatura non abbiamo fatto tutto, ma abbiamo fatto tanto, progetti e finanziamenti importanti, tanti lavori e tanti interventi sui servizi e infrastrutture .

Gambini ha indicato la legislatura in due periodi, la prima tra polemiche, veti e bastoni tra le ruote, la seconda molto produttiva in un clima di partecipazione e lealtà. Chi parla di buche chiuse, riferendosi alla viabilità, si mette in contrasto con migliaia di cittadini ai quali è cambiata la vita liberandosi di strade impercorribili e polverose . Ha concluso, ricordando la disponibilità alla collaborazione pur in ruoli e responsabilità diverse e lo dimostrano  i buoni risultati ottenuti  nel confronto con la Regione, Università e le altre istituzioni.

Il coordinatore Lino Mechelli, intervenendo ha esordito “ sono orgoglioso del gruppo dirigente del movimento”,  laborioso e leale e per questo l’ha invitato al proprio fianco per dimostrare la coesione e la collaborazione. Mechelli, commosso ha parlato di triste anniversario, 15 dicembre 2017, il segretario del PD convoca l’unione comunale con all’ordine del giorno la sua espulsione e quella dei soci del movimento.

Mechelli, con generosità, aveva proposto di costituire un patto federativo tra movimento e PD per rafforzare il collegamento con l’elettorato nelle sue diverse sensibilità. Dal contesto della serata, forte la richiesta di prepararsi a un futuro che punti alla ricostruzione di una comunità coesa e serena, rimuovendo personalismi esasperati, avendo come obiettivo “ crescita, lavoro, giovani, precariato”. Raffaello un punto straordinario. Il movimento ha confermato la sua presenza nella prossima competizione elettorale di primavera. Parte dei fondi raccolti nel corso della cena, saranno destinati a gesti di solidarietà.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it