Consegnata dal Consorzio di Bonifica delle Marche al Comune di Senigallia una nuova pompa idrovora

Consegnata dal Consorzio di Bonifica delle Marche al Comune di Senigallia una nuova pompa idrovora

Potrà essere utilizzata in situazioni di crisi ed emergenza, come allagamenti o alluvioni

SENIGALLIA – Il Consorzio di Bonifica delle Marche ha consegnato questa mattina al Comune di Senigallia una potente pompa idrovora che potrà essere utilizzata in situazioni di crisi ed emergenza, come allagamenti o alluvioni. A suggello del rapporto di grande collaborazione instaurato con l’Amministrazione senigalliese, l’ente di bonifica ha deciso di rafforzare l’unione con la città concedendo in comodato d’uso gratuito la grande idrovora usata fino ad ora in sussidio del canale del Tenna. La breve cerimonia si è svolta nella sede operativa dei volontari della Protezione civile.

“L’impianto è dimensionato per asportare fino a 250 litri al secondo – spiega l’ingegner Alessandro Apolloni, responsabile Impianti irrigui del Consorzio di Bonifica – che in un’ottica di protezione civile è decisamente significativa. Sebbene sia abbastanza pesante, la pompa è carrellata e può essere spostata a seconda delle necessità. Sarà a disposizione per ogni emergenza di protezione civile, per esempio per liberare scantinati o aree allagate, e rafforzerà le dotazioni già in atto”.

“Il rafforzamento delle strutture di assistenza alla città di Senigallia – afferma il presidente del Consorzio di Bonifica, Claudio Netti – nulla toglie alla vigilanza che metteremo in campo unitamente alla Protezione civile e ai volontari, per il costante  monitoraggio dello stato del fiume. Molti lavori infatti sono già stati eseguiti, ma altri sono in corso di programmazione. Daremo una svolta alla mitigazione del rischio entro la primavera del 2020“.

“Il mio più sentito ringraziamento – conclude il sindaco Maurizio Mangialardi – va al presidente Netti e a tutto il Consorzio di Bonifica. Oggi la nostra dotazione tecnica si arricchisce di uno strumento prezioso, che in caso di necessità ci consentirà di operare con maggiore velocità ed efficienza, in particolare nelle situazioni di allagamento dei sottopassi, permettendo un rapido ripristino della circolazione viaria”.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it