A Serra de’ Conti si sta lavorando per una edizione super della Festa della cicerchia

A Serra de’ Conti si sta lavorando per una edizione super della Festa della cicerchia

SERRA DE’ CONTI – Mancano  meno di tre settimane alla nuova attesa edizione della “Festa della Cicerchia“ che si svolgerà dal 23 al 25 novembre per iniziativa dell’omonima Associazione presieduta dal “trio interista“ costituito da: Maurizio Ciamberlini, coadiuvato dal vice presidente Luigi Petrolati e dal presidente onorario Silvano Simonetti.

Il centro storico vive già dei molteplici interventi operativi da parte  di molti giovani che stanno alacremente lavorando per preparare alcune Cantine in modo da renderle ospitali . In Comune si susseguono le riunioni per dettagliare l’intenso programma sia sotto l’aspetto enogastronomico, con i vari menù che saranno proposti nelle venti Cantine, che degli spettacoli e delle variegate Mostre che allieteranno il Centro nel corso della tre giorni della Festa.

Ed è il presidente Maurizio Ciamberlini a rilasciarci la seguente intervista. “ Da oltre venti anni- afferma Ciamberlini – cerchiamo di dare dignità ad un legume povero, per riscoprire i sapori della memoria e salvaguardare dall’estinzione realtà produttive minori. La Festa della Cicerchia nasce dalle mani e dal cuore della comunità, è l’esaltazione del buongusto, dei colori e dei sapori dell’autunno .Per l’intera durata della Festa in un clima tranquillo e gioioso tra i vicoli dello splendido centro storico di impianto duecentesco, , andrà in scena un evento che punta a salvaguardare i prodotti locali a rischio di estinzione e a promuovere le produzioni pulite e rispettose dell’ambiente.

I visitatori resteranno sorpresi dalla versatilità della cicerchia in cucina e dal gusto che riesce a regalare a moltissime ricette: specialità da assaggiare nelle antiche cantine, nelle grotte, nelle locande e nelle osterie di Serra de’ Conti, che proporranno piatti a base di cicerchia e non solo, perché in tavola ci sarà tutto il meglio della tradizione marchigiana con oltre 100 ricette diverse “. Cicerchia e non solo. Nelle Cantine saranno proposti piatti della tradizione contadina delle campagne marchigiane quali: il Tagliere de’ Vintore, la trippa canapina, gnocchi della pista, scottona alla griglia con cipolle, zuppa di cipolle con pane brusco, tagliatelle tutta staccia, cappelletti con brodo di gallina, guanciola col’pa.

Infine la Cooperativa “ La Bona Usanza “ di Serra de’ Conti presenterà ed illustrerà i propri prodotti di qualità: lonzino di fico, sapa, agresto, fagiolo solfino e le paste a base di cicerchia.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it