Rifondazione: “Il biodigestore di Coppetella è anche un problema di Chiaravalle e della bassa Vallesina”

Rifondazione: “Il biodigestore di Coppetella è anche un problema di Chiaravalle e della bassa Vallesina”

di FABRIZIO ILACQUA

CHIARAVALLE – Rifondazione punta l’attenzione sulla possibile istallazione di un biodigestore in località Coppetella: “Da alcune settimane è in discussione l’ipotesi dell’istallazione di un “biodigestore “ per rifiuti organici alla Coppetella di Jesi. Si tratta – si legge in una nota – di una struttura di notevoli dimensioni che ospita la lavorazione dei rifiuti organici da trasformare in compost e in energia. Non è difficile ritenere che l’attività di questo impianto, sia diretta, la lavorazione degli organici, che indiretta, il conferimento degli stessi, comporterà notevoli problematiche ambientali e sanitarie”.

Inevitabile per il gruppo di Rifondazione parlare a questo punto dei possibili rischi ambientali. “Tanto più, se la localizzazione, come in questo caso, è ipotizzata in un territorio già compromesso, l’effetto moltiplicatore è assicurato e poco rassicurante. Ancora una volta, poi, la scelta sembra avvenire senza il coinvolgimento di tutte le realtà che in quel territorio interagiscono. La Coppetella, infatti, pur nel comune di Jesi, confina, anzi si interseca, con i comuni di Monsano, Monte San Vito e Chiaravalle”.

Rifondazione dunque lamenta uno scarso coinvolgimento delle comunità coinvolte in tale scelta e che di tale scelta subiranno le conseguenze. “Di più, tutt’insieme quest’area è nel perimetro Aerca, cioè quel territorio che anni fa la Regione Marche indicò ad <<elevato rischio ambientale>> e per il quale furono previste azioni e risorse, oggi colpevolmente distratte dalla Giunta Ceriscioli, a non si sa bene cos’altro. E’ necessario invece che la discussione, la scelta e la decisione avvenga con il coinvolgimento di tutti i cittadini di questo territorio e delle istituzioni. Per inciso ricordiamo che solo alcuni anni fa, l’ipotesi di un impianto simile da realizzarsi nella dismessa discarica del Galoppo di Chiaravalle fu scongiurata grazie ad una grande mobilitazione popolare e oggi, la localizzazione ipotizzata è ben più vicina ai centri abitati di Chiaravalle e di Monte S. Vito che quella di allora”.

Rifondazione passa poi a rivolgersi direttamente alle amministrazioni dei comuni che confinano con la Coppetella. “Diventa necessario, quindi, chiedere a queste amministrazioni quale sia il loro orientamento e conoscere se e come ci siano già stati interventi ed azioni in merito, anche se, purtroppo, resta il fatto che ancora non ci sono state iniziative di informazione ai cittadini”. Rifondazione chiede quindi chiarezza, informazioni e assemblee informative per far conoscere la questione ed ascoltare le esigenze del territorio. “Scelte così importanti – conclude la nota – non possono essere fatte alla chetichella”.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it