Le malattie professionali restano un’emergenza anche nelle Marche

Le malattie professionali restano un’emergenza anche nelle Marche

Dalla 68^ Giornata nazionale Anmil celebrata a Cagli emerge un aumento di infortuni ma diminuiscono le morti bianche

CAGLI – Più lavoro e più infortuni, ma con meno morti. Fanno infatti riflettere i dati emersi nel corso della partecipata 68^ Giornata nazionale per le vittime degli incidenti sul lavoro promossa dall’Associazione Nazionale fra Mutilati o Invalidi del Lavoro (Anmil) e celebrata nel suggestivo teatro di Cagli.

Analizzando i dati a disposizione dell’Inail, emerge chiara la necessità di una costante opera di sensibilizzazione verso datori di lavoro e lavoratori in materia di sicurezza, dal momento che anche quest’anno si è registrato un aumento di infortuni. Nel periodo gennaio-agosto 2018, sono state 2.971 le denunce di infortunio, 61 in più rispetto allo stesso periodo del 2017. Di positivo è emersa però una minore gravità degli incidenti, con 4 morti bianche nei primi 8 mesi dell’anno, che salgono a 6 ad oggi, in diminuzione rispetto allo scorso anno che aveva fatto registrare 14 incidenti mortali nello stesso periodo considerato.

In controtendenza invece con quanto avvenuto nel 2017, durante il convegno di domenica è emerso un notevole aumento delle malattie professionali, a livello provinciale salite da 982 a 1.111 nel periodo compreso tra gennaio e agosto (fonte: elaborazione Anmil su OpenData Inail).

«L’aumento degli infortuni può essere in parte collegato ad un incremento dell’occupazione – ha detto il Presidente provinciale Anmil Pesaro e Urbino Fausto Luzi – risulta quindi fondamentale la nostra azione di sensibilizzazione quotidiana, perché una società moderna e civile deve garantire la sicurezza dei suoi lavoratori».

A dimostrazione dell’importanza del tema per l’intera comunità, sul quale Anmil si sta impegnando ormai da 75 anni, è stata anche la presenza del Prefetto di Pesaro e Urbino Carla Cincarilli.

«Lo scorso anno le denunce di infortunio sono state 4.488 di cui 3.576 quelle definite positivamente – ha riferito la direttrice Inail Pesaro e Urbino Antonella Concetta Tata –. L’Inail dal canto suo si impegna affinchè la sicurezza sia garantita nei luoghi di lavoro, investendo fino a 150.000 euro per quelle aziende attente ai propri lavoratori, che fanno corsi di formazione e si impegnano nell’abbattimento di barriere architettoniche».

A portare l’attenzione sui risvolti per la società è stato il sindaco di Cagli Alberto Alessandri: «I costi sociali infatti rappresentano la sommatoria dei costi per giornate di lavoro perse, cure mediche, premi assicurativi e risarcimenti di cui l’infortunio è solo la punta dell’iceberg».

«Le denunce per malattie professionali a livello nazionale sono 60-70.000 l’anno, un numero altissimo che non si riesce ad arginare – ha sostenuto il direttore di Master Quality di Fano Massimiliano Luchetti –. Troppo spesso ancora la sicurezza resta un obbligo burocratico, svolto attraverso tanta carta ma non nella sua effettività. Oltre che agire sulle aziende, il nostro desiderio è quello di coinvolgere le scuole e gli studenti affinché comprendano in pieno l’importanza della sicurezza nei luoghi di lavoro».

Sono stati proprio gli studenti ad essere protagonisti della 68^ Giornata Anmil, partecipando al concorso “Investiamo in sicurezza. Diamo valore alla vita” indetto da Anmil con il patrocinio di Inail.

Ecco i vincitori del concorso, premiati dal vicepresidente Anmil Pesaro e Urbino Valter Donatelli. Sezione video: 1° classificate le studentesse Sofia Righi, Veronica Falconi e Virginia Rossi della III AFM Istituto Omnicomprensivo Montefeltro di Sassocorvaro; 2° classificata Gaia Rocchetti della classe IV BP dell’istituto superiore Donati di Fossombrone.

Sezione prosa e poesia: 1° classificata Emma Frroku  della classe III B Istituto Omnicomprensivo Montefeltro di Sassocorvaro; 2° classificato Matteo Spadini della classe III AFM Istituto Omnicomprensivo Montefeltro di Sassocorvaro. Sempre all’istituto Montefeltro è stato assegnato anche il premio finale di 500,00 euro.

——————————

La 68^ Giornata Nazionale per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro è promossa dall’Anmil provinciale, sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, il patrocinio della RAI, Radio televisione Italiana, del Comune di Cagli, della Provincia di Pesaro e Urbino, Regione Marche e Inail Pesaro e Urbino, e con il contributo di Gruppo Creval – Credito Valtellinese Fano, SeaGruppo, Cimas ristorazione, Centro Ortopedico Faraldo di Fermignano, Azienda agricola Canestrari Basilio, Ottica 2000 Marzocca, Nuova Servigomme, Sanitaria Le Terrazze, Ottica Bedini Fano, Ristorante Pizzeria La Perla e Master Quality srl Fano – servizi di consulenza.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it