Reintegrati nel posto di lavoro i due dipendenti sospesi da Aerdorica

Reintegrati nel posto di lavoro i due dipendenti sospesi da Aerdorica

Accolte le istante presentate dal coordinamento regionale dell’Unione Nazionale Consumatori

FALCONARA – Aerdorica spa, la società che gestisce l’Aeroporto di Falconara ed è partecipata quale socio di maggioranza dalla Regione Marche, ha reintegrato da oggi nel posto di lavoro i 2 dipendenti che aveva sospeso dal 10 settembre.

“Aerdorica – afferma l’avvocato Corrado Canafoglia del coordinamento regionale Marche dell’Unione Nazionale Consumatori – aveva infatti ritenuto gravemente lesive alcune dichiarazioni rilasciate al quotidiano “Libero” dai due dipendenti, i quali avevano manifestato tutta la loro preoccupazione per la situazione economica in cui agisce  la società che gestisce lo scalo marchigiano, anche in funzione della loro occupazione lavorativa e degli stipendi che percepiscono a singhiozzo.

“Nel  provvedimento disciplinare – aggiunge l’avvocato Canafoglia – si rimarcava che esso era stato adottato anche in ragione del danno all’immagine “percepito” non solo dalla società gestrice, ma anche dalla Regione Marche.

“Aerdorica così decideva di sospendere per 30 giorni i 2 lavoratori sia dall’occupazione, che dallo stipendio.

“Subito – aggiunge l’avvocato Canafoglia – abbiamo  impugnato stragiudizialmente tale provvedimento disciplinare evidenziandone l’illegittimità, sia perché non era stata seguita regolarmente la procedura di contestazione degli addebiti previsti dallo Statuto dei Lavoratori,  sia perché le dichiarazioni dei 2 dipendenti non hanno nulla di lesivo all’immagine di Aerdorica e della Regione , sia perché il periodo di 30 giorni è comunque contrario a quanto stabilito  dal contratto collettivo nazionale che prevede al massimo 10 giorni, minacciando comunque  di impugnare il provvedimento  disciplinare avanti al Tribunale del lavoro in caso di mancato accoglimento della nostra istanza di revoca.

“Aerdorica ha deciso di accogliere la nostra istanza di revoca, evitando così un giudizio, che si prospettava per la società non certo favorevole, ed ha immediatamente reintegrato i due dipendenti.

“Esprimiamo pertanto piena soddisfazione per  l’esito positivo della vicenda, in cui le vere vittime sono i 2 lavoratori, che secondo l’iniziale posizione di Aerdorica dovrebbero stare in silenzio e non permettersi di manifestare tutte le proprie preoccupazioni per le sorti dell’Aeroporto e dei loro posti di lavoro.

“Registriamo però un silenzio assordante intorno a questa vicenda, che ha visto protagonisti le parti deboli della vicenda Aeroporto, 2 lavoratori puniti per aver espresso la loro opinione, peraltro rappresentante una voce in mezzo a tante altre che hanno manifestato  sui media la medesima idea, ma per questi dipendenti nessun messaggio di solidarietà o di aiuto, tranne che dalla maggior parte dei colleghi, da coloro che li dovrebbero difendere istituzionalmente.

“E’ evidente – conclude l’avvocato Corrado Canafoglia a nome dell’Unione Nazionale Consumatori Marche – che se qualcuno pensava di fermare la nostra azione a difesa dei lavoratori che si sono rivolti alla nostra  Associazione si sbaglia”.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it