Castelleone di Suasa ha ospitato il 35° raduno dei  “giovani” nati negli anni ‘46 ‘47 ‘48

Castelleone di Suasa ha ospitato il 35° raduno dei  “giovani” nati negli anni ‘46 ‘47 ‘48

di RENZO TODARI
CASTELLEONE DI SUASA – Si è svolto anche quest’anno il 35° raduno dei  “giovani” di Castelleone di Suasa , classi ’46 ’47 ‘ 48.
Questi ragazzi sono tornati nel loro “Paese verde ” come ogni anno, da ogni parte d’Italia per il piacere di ritrovarsi, confrontarsi e raccontarsi.
Quest’anno si festeggiavano, in particolare, i 70 anni dei quarantottini. Per l’occasione l’artista ed amico Vincenzo Fermi ha donato una splendida riproduzione a matita, di una cartolina che rappresentava la vecchia Torre Castelleonense, abbattuta nel ’48 , quando i partecipanti all’incontro erano già tutti nati. Per questo, le persone ritratte ai piedi della torre per l’artista Vincenzo rappresentano (metaforicamente) questi amici che si ritrovano anno dopo anno da ben 7 lustri.
Nel libro “C’era una volta Castelleone ” un’unica casa per tutti, sempre opera dell’eclettico Fermi, si possono ritrovare un po’ tutti questi personaggi e i loro avi e parenti , anche se uno spicca nella memoria di tutti ed  è il mai dimenticato Peris Conti, che ha fortemente voluto questo incontro annuale ed è stato ricordato con immenso affetto insieme agli altri amici che non ci sono più, ma sono sempre nel cuore.
Il ritrovarsi è sempre bellissimo, dicono gli intervenuti di quest’anno, circa 62 amici che si sono allegramente “abbuffati” presso l’Agriturismo “Le Betulle ” immerso nel cuore delle colline marchigiane ad Avacelli, frazione di Arcevia, luogo delizioso  dove il  proprietario è, anche lui, originario di Castelleone di Suasa.
Auguri quindi a questi eterni ragazzi e ragazze e arrivederci al 36° appuntamento.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it