Arrestata la moglie dell’anziano trovato morto in casa a Frontone

Arrestata la moglie dell’anziano trovato morto in casa a Frontone

FRONTONE – E’ stata arrestata nella notte la moglie dell’uomo trovato morto, venerdì mattina, in un’abitazione di Sant’Eusebio, frazione di Frontone, a ridosso del Monte Catria.

L’anziana signora (80 anni), era piantonata dal pomeriggio di venerdì nel reparto di Psichiatria dell’Ospedale di Urbino, dopo essere stata trovata, in stato confusionale, vicino al cadavere del marito (85 anni).

Nell’abitazione di Frontone i carabinieri avevano rinvenuto anche un biglietto che, purtroppo, avvalorava la tesi dell’omicidio e del tentato suicidio della donna: “Perdonateci non ce la facciamo più…vi salutiamo tutti da lassù”. Poche parole. Ma significative. L’uomo, sofferente di Alzheimer, la donna in stato di depressione per la malattia del marito. L’anziana signora, dopo la morte del coniuge, avrebbe assunto barbiturici restando in stato confusionale. Oggi il medico legale eseguirà l’autopsia sul cadavere della vittima, trasferito venerdì nella camera mortuaria dell’ospedale di Urbino.

La scoperta del cadavere dell’anziano era stata fatta venerdì mattina dai vigili del fuoco del distaccamento di Cagli, entrati nell’abitazione da una finestra. A dare l’allarme alcuni familiari, preoccupati per il fatto che l’anziana coppia – arrivata da Roma per un periodo di vacanza – non rispondeva più al telefono.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it