Tutto pronto a Mondavio per la 59esima edizione della rievocazione storica della Caccia al Cinghiale

Tutto pronto a Mondavio per la 59esima edizione della rievocazione storica della Caccia al Cinghiale

MONDAVIO – Fiamme e suoni, luci e ricchi abiti rinascimentali, spettacoli e sontuosi banchetti: c’è tutto questo e molto altro nella 59esima edizione della Rievocazione storica della Caccia al Cinghiale di Mondavio. Divenuto ormai un classico dell’estate, l’evento è pronto a varcare la soglia del 60esimo anno con un’edizione che si preannuncia ricca di contenuti e curata in ogni dettaglio. Il 13, 14 e 15 agosto 2018 tutta Mondavio e la provincia di Pesaro Urbino si caleranno in un’atmosfera suggestiva e indimenticabile che celebra la presa di possesso da parte della nobile famiglia dei Della Rovere del vicariato di Mons Avium con il conseguente matrimonio con Giovanna Feltria, figlia di Federico da Montefeltro, duca di Urbino. Manca meno di un mese alla grande rievocazione e tutto il borgo freme per i preparativi, come ci racconta il presidente della pro loco di Mondavio Claudio Goffi. «Siamo alla vigilia di una grande manifestazione. Come pro loco stiamo facendo uno sforzo enorme per garantire tutte le normative relative alla sicurezza e per adeguare l’evento ai massimi livelli tecnici, a vantaggio degli ospiti che si dovranno soltanto preoccupare di godere delle bellezze del territorio e di divertirsi».

Si inizia il 13 agosto con uno dei momenti clou della manifestazione: il banchetto rinascimentale in costume che si svolge nel chiostro francescano e che avrà inizio alle ore 21. «Teniamo a sottolineare – specifica Goffi – che il banchetto, in cui vengono riproposti cibi e pietanze tipiche del Rinascimento, è frutto di un accurato e lungo lavoro di ricerca storica, preparato con ingredienti, modalità e cottura tipici dell’epoca. Nello scenario altamente suggestivo del chiostro francescano vengono eseguiti spettacoli dal vivo. In particolare troveremo menestrelli, cantastorie, saltimbanchi e attori che si cimenteranno nelle loro arti.

A tutti coloro che partecipano viene offerta l’opportunità di rivivere da protagonisti il fascino dei banchetti del Rinascimento italiano gustando pietanze d’altri tempi, ammirando gli spettacoli di allora e indossando abiti del ‘400 da noi resi disponibili (posti da prenotare tramite il sito www.mondavioproloco.it). Contemporaneamente nel fossato della Rocca Roveresca verrà allestito Il Bivacco, conosciuto anche come “pranzo del popolo e dei soldati”. Al tramonto e in un ambiente militaresco, si offrirà l’occasione di rivivere le antiche atmosfere di un accampamento militare, allietati da musici e giullari.

Contemporaneamente a esercitazioni di tiro con l’arco e balestra, proprio come un tempo, ci si potrà rifocillare con un menu all’insegna di antiche ricette. Il 14 e il 15 sarà la volta del tradizionale spettacolo teatrale di suoni e luci (organizzato dalla pro loco e con la regia di Ultrasound eventi) che coinvolgerà il palco allestito in piazza della Rovere e la Rocca con momenti di teatro, danza e proiezioni. Tradizionalmente il tema dello spettacolo trae origine dalla mitologia o letteratura classica: nella 59esima edizione la tematica dello spettacolo coreografato in piazza della Rovere, con inizio alle ore 22,45, sarà “Nel Mezzo del Cammin… Benvenuti all’Inferno”, un omaggio al sommo poeta Dante Alighieri. Ci sarà la possibilità di prenotare un posto a sedere (circa 300 i posti disponibili per i giorni 14 e 15) per lo spettacolo; nei tre giorni della manifestazione si stimano circa 3mila presenze che trasformeranno il tranquillo e suggestivo Borgo tra i più belli d’Italia nel centro rinascimentale tra i più caratteristici del nostro Paese. Informazioni e prevendita 0721.97102 / 339.8064228

www.mondavioproloco.it

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it