Resta un giallo a Chiaravalle la morte dell’anziana donna

Resta un giallo a Chiaravalle la morte dell’anziana donna

La città sconvolta per questo nuovo delitto. I carabinieri del Ris nell’appartamento della vittima alla ricerca di ogni elemento utile alle indagini. Giovedì mattina è prevista l’autopsia

CHIARAVALLE – Mentre i magistrati della Procura della Repubblica di Ancona procedono per omicidio, tutta Chiaravalle si sta interrogando su quanto accaduto martedì mattina, in via Verdi, dove una donna di 85 anni, Emma Grilli, è stata trovata morta in cucina, nel suo appartamento, con profonde ferite alla gola.

Dalle prime ore di oggi, per cercare di fare piena luce, il prima possibile, su questo nuovo giallo, nell’appartamento al terzo piano dell’edificio popolare di via Verdi in cui è stata trovata morta la signora Emma sono intervenuti anche i carabinieri del Ris, alla ricerca di ogni elemento utile alle indagini. Anche in considerazione che non è stata ancora trovata neppure l’arma utilizzata, probabilmente un coltello, per uccidere la donna.

Giovedì mattina, invece, su disposizione del pubblico ministero Paola Gubinelli, il cadavere della signora Emma sarà sottoposto ad autopsia.

Il delitto resta ancora senza un movente definito ed anche per questo il fascicolo aperto dai magistrati della Procura anconetana resta a carico di ignoti. Ma anche se gli inquirenti non si sbilanciano più di tanto – le indagini sono portate avanti dai carabinieri – va prendendo sempre più consistenza l’ipotesi di un tentativo di furto finito male.

Va ricordato che il corpo, ormai senza vita, della signora Emma Grilli è stato ritrovato dal marito, Alfio Vichi, al rientro a casa dopo essere uscito a fare la spesa.

Nell’abitazione, come hanno potuto accertare i carabinieri, intervenuti pochi minuti dopo la segnalazione di quanto accaduto, regnava il disordine assoluto. Tutto era stato messo a soqquadro.

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it