E’ deceduto a Senigallia Giuliano Bedini, da sempre anima culturale e sociale del quartiere Porto

E’ deceduto a Senigallia Giuliano Bedini, da sempre anima culturale e sociale del quartiere Porto

E’ deceduto a Senigallia Giuliano Bedini, da sempre anima culturale e sociale del quartiere PortoSENIGALLIA – La città tutta è rimasta costernata e profondamente turbata alla notizia della morte di Giuliano Bedini, in particolare incredulo  il quartiere Porto.

Di questo Giuliano è stato l’anima culturale e sociale,  con lui  il quartiere è cresciuto e si è caratterizzato per le tante iniziative che ne hanno sempre messo in risalto la vitalità  e la tradizione storica conservata e tramandata sino ad oggi: soprattutto per merito di Giuliano. Perché Giuliano aveva forte il senso dell’essere e del fare comunità : discreto, fattivo, concreto, sempre rispettoso e garbato è riuscito a dare un volto al “suo” quartiere. E con il quartiere la parrocchia, della quale è stato sempre collaboratore e animatore generoso e appassionato.  Le sue qualità di uomo della comunità  le aveva maturate quando era stato per lunghi anni presidente diocesano della Gioventù Italiana di Azione Cattolica, alla quale aveva  riservato tante energie .

Accanto all’impegno sociale ed a quello ecclesiale,di Giuliano va ricordata l’attività amministrativa quale funzionario dell’ “Azienda di soggiorno e Turismo” cui ha collaborato per tanti anni , dando un contributo significativo allo sviluppo turistico della città. Ha svolto, sempre con spirito di servizio, responsabilità anche in alcuni ambiti della vita sportiva  cittadina.

Il sindaco Maurizio Mangialardi,  scosso e rattristato per la inattesa scomparsa , così lo ricorda: “al di là della grande stima ed amicizia personali, Giuliano è stato l’esempio del cittadino leale e collaborativo verso l’amministrazione, radicato nel proprio quartiere per il quale ambiva  crescita  culturale e dignità urbanistica; un obiettivo che insieme, credo, abbiamo pienamente raggiunto: di questo sono grato a Giuliano e questo rende ancor più amaro  il suo distacco  da noi.  Un pensiero affettuoso e di grande vicinanza alla moglie Maria Luisa e ai figli Federica, Chiara e Gabriele. La città , ma soprattutto il quartiere Porto è,oggi, orfano di  una grande presenza, di Giuliano Bedini, uomo buono e giusto,al quale tutti dobbiamo gratitudine e riconoscenza”.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it