Prende il via a Chiaravalle la sesta rassegna de “I giovani raccontano il cinema dei giovani”

Prende il via a Chiaravalle la sesta rassegna de “I giovani raccontano il cinema dei giovani”

CHIARAVALLE- Dal 2013 il mese di luglio vede protagonisti a Chiaravalle i giovani, sia in quanto soggetti dei film in programma nella rassegna I giovani raccontano il cinema dei giovani, sia in quanto curatori delle varie serate. Così sarà anche quest’anno con la VI edizione, intitolata Solit@ri interconnessi e rientrante nel progetto Giovani InFormati (cofinanziato dalla Regione Marche). E agli argomenti affrontati nelle edizioni precedenti la scuola in Ex cattedra, lo sport in Campo e controcampo, i dilemmi etici e giuridici in Diritti e rovesci, le dipendenze in Dipende e la promozione dell’uguaglianza nel rispetto delle differenze individuali in Uguale e() differente  si aggiunge ora un tema legato a doppio filo ai cosiddetti nativi digitali: il rapporto con i media e con le tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Gli spettatori potranno dunque esplorare l’universo mediatico attraverso la lente di chi in esso è nato e cresciuto e godersi il felice cortocircuito insito nel poter parlare dei mezzi di comunicazione, dal cellulare al web alla radio, tramite un mezzo di comunicazione quale il cinema.

Dopo l’anteprima di domenica I luglio, nel corso della quale verranno proiettati vari contributi audiovisivi e presentati i sei curatori, si entrerà nel vivo della rassegna giovedì 5 luglio con Perfetti sconosciuti, uno dei film italiani più acclamati e discussi degli ultimi anni: la storia di una specie di gioco al massacro a cui si sottopongono alcune coppie durante una cena, nella quale tutti dovranno condividere con tutti le telefonate e i messaggi che riceveranno, con rivelazioni sconcertanti e conseguenze imprevedibili; a presentare il film saranno Enrico Bartolucci e Filippo Costantini. Si proseguirà il 12 luglio  a cura di Giacomo Girolimini e Gabriele Manoni con Disconnect, in cui si intrecciano le vicende di un avvocato insensibile alla famiglia, di un ex poliziotto alle prese con il figlio bullo, di due sposi in crisi e di una giornalista che vorrebbe dedicare un reportage a un ragazzo coinvolto in giri loschi: tutti solitari interconnessi della rete. In chiusura della rassegna, il 19 luglio, Elisa Pasquini e Silvia Raffaeli introdurranno I love radio rock: film intelligentemente scanzonato su un bizzarro gruppo di giovani che, per aggirare il proibizionismo musicale imposto alle radio nell’Inghilterra degli anni 60, allestisce un’emittente pirata a bordo di una nave in acque internazionali.

Per Francesco Favi, assessore alle politiche giovanili di Chiaravalle (di recente conferma elettorale con la lista civica Chiaravalle Domani guidata dal sindaco Damiano Costantini), “in questa rassegna si fondono due delle dimensioni in cui abbiamo maggiormente creduto e investito in questi cinque anni, prefiggendoci di fare altrettanto nei prossimi: la centralità dei giovani, della loro energia e creatività, del loro sguardo sul mondo; e la vocazione cinefila di Chiaravalle, che dalla stagione doro degli anni 70 -ha continuato Favi- arriva fino a noi. Infatti, tra il 1969 e il 1983, la nostra cittadina conobbe una straordinaria stagione culturale e cinefila grazie a vari politici, funzionari e intellettuali guidati da Giorgio Candelaresi, già consigliere comunale e direttore della biblioteca di Chiaravalle, che nel 2016 abbiamo insignito della cittadinanza onoraria. È grazie a una figura e a una storia come le sue che ci sentiamo nani sulle spalle di giganti e che questa rassegna può essere considerata il frutto di un albero antico e dai tanti rami. Non a caso, nella serata inaugurale, verrà proiettata una imperdibile video-conversazione inedita con lo stesso Candelaresi”.

La rassegna si terrà alle 21.15 con ingresso gratuito presso il parcheggio dell’ex campo parrocchiale di Chiaravalle. Info: Servizio Politiche Giovanili (071.9499295).

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it