Inizia domenica a Senigallia la rassegna “Baracche e Burattini”

Inizia domenica a Senigallia la rassegna “Baracche e Burattini”

SENIGALLIA – Teatro ragazzi sotto le stelle di Senigallia con il 20^ Festival dei Burattini Marionette e Teatro di Figura Ambarabà, promosso dal Comune di Senigallia e con la direzione artistica e organizzazione dell’ATGTP, Associazione Teatro Giovani Teatro Pirata, in collaborazione con il Teatro alla Panna e Amat nel quadro della storica rassegna “Baracche e Burattini”.

Gli spettacoli sono inseriti nel programma del Festival “Ambarabà”, che tocca quest’anno con i suoi spettacoli anche i Comuni di Chiaravalle, Corinaldo, Jesi, Maiolati Spontini, Santa Maria Nuova, Serra San Quirico, Staffolo, Trecastelli, con artisti e compagnie rappresentativi delle più antiche tradizioni burattinesche italiane e delle nuove tendenze del teatro di figura. Nella città della Spiaggia di Velluto sono proposti al pubblico nove spettacoli, tutti alle ore 21,30. In caso di maltempo gli appuntamenti si terranno all’Auditorium San Rocco.

“Una rassegna – afferma l’assessore alla Cultura Simonetta Bucari – che consolida il rapporto tra Senigallia e ATGTP, Teatro alla Panna e Amat e che troverà spazio nella suggestiva cornice dei giardini della scuola Pascoli, che l’Amministrazione comunale destina ormai da tempo al teatro urbano. Oltre alla indiscutibile qualità  degli spettacoli, il grande valore di manifestazione risiede nella scelta di rivolgersi ai bambini e alle loro famiglie, che rappresentano per tutti noi un pubblico privilegiato”.

“La nostra proposta – conferma il presidente dell’ATGTP Fabrizio Giuliani – ha una valenza culturale e turistica, ma non va mai dimenticato che soprattutto rappresenta un progetto educativo volto a far crescere i giovani”.

“Un progetto – aggiunge il consigliere delegato Mauro Pierfederici – che stimola l’interesse dei più giovani per il teatro, un anello della catena della bellezza che questa città continua a portare avanti. La magia del teatro non tramonterà mai, e ciò lo si deve anche ai semi lasciati da iniziative come questa”.

Ad aprire il cartellone sarà un grande evento di piazza ad ingresso libero e gratuito, in Piazza Roma domenica 1 luglio con la compagnia Lagrù Ragazzi in “Storie nell’armadio”, spettacolo con tante storie divertenti ed una battaglia di cuscini tra gli spettatori quale gran finale. Due attori, spaventati ma curiosi, si avvicinano ad uno strano armadio comparso all’improvviso… che cosa ci sarà dentro? Vecchi costumi teatrali? Polverose parrucche? Mostri, streghe, marmocchi dispettosi, draghi, principi, fate? A causa di un lupo alquanto dispettoso, i due attori sono costretti ad aiutare le misteriose creature che si nascondono nell’armadio in un esilarante carosello di storie vecchie e nuove che tentano di spaventare, ma fanno solo divertire.

A pagamento saranno tutti gli otto spettacoli programmati presso il Cortile della scuola Pascoli. Ingresso posto unico 5 euro (biglietti in vendita dalle ore 20.30 presso Cortile Scuola Pascoli). Martedì 3 luglio il circo e la magia si fondono in “Mago per svago, Pop Corn Edition” della compagnia L’Abile Teatro. Concepito come uno spettacolo muto, è tutt’altro che silenzioso grazie ad una colonna sonora dal ritmo trascinante e ad una comicità irresistibile. Racconta di un mago e del suo spettacolo, di un assistente e del suo desiderio di conquistare la scena. La classica magia come la conosciamo viene così riproposta in una forma inedita: una parodia di sé stessa. Mercoledì 4 luglio appuntamento con una favola popolare raccontata da pupazzi animati, dal titolo “Giacomino e il Fagiolo che montò fino al cielo” dell’Atgtp-Il Laborincolo. Giacomino è un ragazzo vivace e un po’ distratto, e abita in una casetta con la mamma e una mucca. Un giorno, la mamma lo manda al mercato a vendere la mucca ormai troppo vecchia. Naturalmente gli fa mille raccomandazioni, ma lungo il viaggio Giacomino decide di cambiare strada ed andare a piantare il seme del suo sogno… Giovedì 19 luglio lo spettacolo “L’albero di Pepe”, dell’Atgtp è una fiaba moderna con teatro d’attore e musica dal vivo su tema ecologista. Pepe è la protagonista di questa storia, una bambina a cui sembra che sia caduto il pepe nei piedi: non riesce mai a stare ferma! Nella sua famiglia non riesce proprio a stare: troppo caos, nessuno la considera, nessuno che assecondi i suoi bisogni. Così un giorno decide di scappare, si arrampica in cima ad un albero gigante e decide di non scendere più.

Martedì 24 luglio attori e musicisti del Teatro Verde portano in scena “I vestiti nuovi dell’imperatore”, da Hans Christian Handersen. La fiaba prende corpo da una chitarra, un contrabbasso, un attore, un armadio, due bauli, qualche burattino, tre cappelli, tanti vestiti (di cui uno invisibile), e un libro che diventa voce, narrazione, musica, figura, movimento. Mercoledì 25 luglio i pupazzi animati a vista da Giancarlo Vulpes sono i protagonisti di “Via Cherles Perrault”, spettacolo di Teatro di figura da tavolo e videoproiezioni. In Via C. Perrault ci sono porte che tutti possono aprire ma nessuno può oltrepassare. C’è una porta dietro la quale si nasconde la nostra paura, che ci fa immaginare scheletri nascosti, un nemico, di nome Barba-Blu. Seguendo una bambina curiosa, scopriremo che oltre quella porta aperta c’è un mondo poetico in cui vecchi giocattoli prendono vita per raccontare una fiaba e augurare buonanotte a una famiglia lontana…altro che scheletri! Lunedì 30 luglio il Teatro delle Dodici Lune propone “Di Pinocchio l’avventura”, per attore, marionette, burattini e musica dal vivo. Un burbero burattinaio dice di essere il discendente di Mangiafoco e di conoscere a menadito la vita e la morte del famoso burattino. La musica del suo organetto e una coppia di vecchie marionette lo accompagnano durante il racconto che si trasforma in azione dentro la baracca dei burattini, tra rincorse, equivoci, furberie, gran divertimento. Martedì 31 luglio l’Atgtp porta in scena “Le avventure di Pulcino”, storia di un tenero pulcino di stoffa alla ricerca della mamma. Lo spettacolo è realizzato tramite l’usodi oggetti di recupero, con pupazzi mossi su di un grande tavolo che trasformandosi, diventa di volta in volta la base per le scene.

Il tutto arricchito da musiche originali e canzoni cantate dal vivo. Mercoledì 1 agosto in “Cappuccetto Rosso” la compagnia Teatro alla Panna si misura con un grande classico per l’infanzia. Ma i due burattinai non son riusciti a mettersi d’accordo e quindi ognuno racconta la sua storia: classica o moderna? Inconciliabile! Così inizieranno a raccontare ognuno la propria fiaba senza alcuna volontà di capirsi e mentre uno cercherà di rimanere fedele alla tradizione, l’altro comincerà a fare i dispetti e a cambiare le carte in tavola; ne scaturirà un conflitto creativo con conseguente raddoppio dei personaggi principali.

www.comune.senigallia.an.it

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it