“Aprire nuove trattative con Rete Ferroviaria per rendere Marotta più sicura”

“Aprire nuove trattative con Rete Ferroviaria per rendere Marotta più sicura”

Approvate dal Consiglio comunale due mozioni presentate dai consiglieri del MoVimento 5 Stelle. C’è la necessità di sistemare i sottopassi  e di creare le necessarie opportunità per realizzare un cavalcavia

MAROTTA – Da Giovanni Berluti e Silvana Emili, consiglieri comunali portavoce del MoVimento 5 Stelle riceviamo: “Il Movimento 5 Stelle Mondolfo Marotta nell’ultimo consiglio comunale ha ottenuto l’approvazione all’unanimità di due importanti mozioni presentate, che impegnano l’amministrazione ad aprire nuove trattative con Rete Ferroviaria Italiana.

“La prima mozione approvata è volta a superare le barriere architettoniche di tutti i sottopassi pedonali del territorio; la seconda è diretta a dare vita ad uno studio di fattibilità finalizzato a realizzare, a spese di Rete Ferroviaria Italiana (R.F.I.), un nuovo cavalcavia ferroviario per migliorare la sicurezza ed il collegamento con il lungomare.

“Abbiamo studiato il programma di rifinanziamento degli investimenti di R.F.I. da parte dello Stato ed abbiamo trovato dei capitoli che prevedono la possibilità di migliorare la sicurezza di stazioni ferroviarie e dei sottopassi. Tenuto conto che i comuni limitrofi si stanno muovendo in tal senso abbiamo ritenuto importante impegnare l’amministrazione, dato il rilievo dell’argomento e visto che Marotta è un territorio che risente fortemente delle problematiche dovute agli allagamenti. In tema di miglioramento acustico abbiamo inoltre ottenuto che la proposta sull’eventuale adozione di pannelli fonoassorbenti, da installare a spese di R.F.I., sarà discussa in sede di Commissione Uso e Assetto del Territorio assieme all’adeguamento del Piano di Classificazione Acustica Comunale.

“Purtroppo l’Amministrazione ha respinto la nostra richiesta di liberare i binari morti lato mare, perché, dicono, sono necessari a R.F.I. per modernizzare la stazione ferroviaria di Marotta; da parte nostra non desisteremo nella richiesta, data l’importanza di quella parte di area ferroviaria per il miglioramento di viabilità e parcheggi della zona mare del nostro territorio, sempre sofferente in particolare nel periodo estivo. Ribadiamo infatti che non si sono condotte come dovevano le trattative con R.F.I., basti ricordare l’ esempio della recente inaugurazione del  parcheggio che è stato sì aperto al pubblico, cosa sicuramente positiva, ma è stato pagato interamente dal Comune, che si deve addirittura far carico di pagare un costoso canone annuale per l’affitto di tale area a R.F.I..

“Bocciata dall’Amministrazione la richiesta congiunta delle minoranze di vincolare una precisa somma dei fondi di bilancio a favore della Casa di Riposo comunale “Nella Carradorini” di Mondolfo; anche se l’Amministrazione intende comunque intervenire sulla manutenzione ordinaria e straordinaria della stessa Casa di Riposo comunale, ha comunicato che farà gli interventi sulla base dei bisogni che di volta in volta si manifesteranno, senza una programmazione e un progetto complessivo di miglioramento e di sviluppo della struttura, elemento secondo noi essenziale per ogni attività di intervento che si dovrà eseguire sulla struttura stessa.

“Respinta infine dall’Amministrazione anche la nostra mozione sull’adozione della sperimentazione, promossa dal Ministero dell’Ambiente e sostenuta dall’Associazione dei Comuni Italiani, del “Vuoto a Rendere”, già approvata da molti Comuni Italiani e volta a ridurre l’utilizzo di imballaggi; l’adozione di questa buona pratica sarebbe stato un segnale importante per ridurre il consumo di contenitori in vetro e quindi per il rispetto dell’ambiente”.

Nella foto: un sottopassaggio allagato dopo le recenti piogge

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it