Aggrediscono una badante all’interno dell’Ospedale di Urbino, tre donne marocchine denunciate dalla polizia

Aggrediscono una badante all’interno dell’Ospedale di Urbino, tre donne marocchine denunciate dalla polizia

URBINO – Al termine di una lunga attività di indagine diretta dalla Procura della Repubblica di Urbino,  personale della Polizia di Stato in servizio presso il Commissariato di P.S. di Urbino ha identificato e denunciato tre donne di origine marocchina, rispettivamente una madre, di professione badante, di 44 anni e le sue due figlie di 24 e 20 anni, resesi protagoniste dell’aggressione ad un’altra badante, all’interno del reparto di medicina del locale Ospedale civile.

Il fatto risale allo scorso mese di febbraio quando, all’interno di una stanza del reparto facevano irruzione le tre donne, che dopo aver avvicinato una badante italiana che stava assistendo un anziano, iniziavano ad insultarla, accusandola di aver rubato loro il lavoro.

Avendo notato che un’altra badante, presente sul posto, stava riprendendo la scena con il proprio telefono, le tre donne le si scagliavano contro e solo l’intervento del personale infermieristico, attirato dalle grida, poneva termine all’aggressione.

Conseguentemente le predette venivano denunciate in stato di libertà per lesioni, disturbo del riposo altrui e delle occupazioni e violazione di domicilio.

Infine, sempre il personale del Commissariato di P.S. di Fano, a conclusione di una mirata indagine, risalente anch’essa al febbraio scorso, ha denunciato un ventiduenne urbinate, già noto alle forze dell’ordine, per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti.

In particolare il predetto, ritenuto essere al centro di una consolidata attività di spaccio, veniva incolpato di aver fornito marijuana ad un gruppo di 5 giovani, di età compresa tra i 16 e i 20 anni, nella zona del centro storico urbinate. Al 22enne, nella medesima circostanza, veniva anche notificata la misura di prevenzione dell’avviso orale del questore di Pesaro.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it