“Grazie alle elezioni comunali il presidente della Regione si ricorda dell’ospedale di Chiaravalle”

“Grazie alle elezioni comunali il presidente della Regione si ricorda dell’ospedale di Chiaravalle”

Polemica presa di posizione della lista civica Chiaravalle Domani: “Finalmente cominciano i lavori, meglio tardi che mai! La Regione si è svegliata!”

di FABRIZIO ILACQUA

CHIARAVALLE – Anche la lista civica per la riconferma a sindaco di Damiano Costantini torna sul tema caldo di questi giorni: l’ospedale Montessori. “Numerosi sono stati gli incontri, in questi anni, effettuati dalla Giunta Costantini con il Direttore di Area Vasta e il Direttore di Distretto territoriale. Costanti sono stati i confronti con gli operatori della struttura affinché questa venisse tutelata, vedesse ampliati i servizi per il territorio e venissero risolte le criticità. Dopo la chiusura del Punto di Primo Intervento voluto da Enti sovracomunali, grazie al costante lavoro effettuato da questa Amministrazione di concerto con il fondamentale ruolo della dott.ssa Balzani dell’ASUR siamo riusciti ad attivare il PAT (Punto di Assistenza Territoriale) per la gestione delle piccole “emergenze”.

Ma ci sono molte problematiche che l’Asur e la Regione Marche devono risolvere, -continua la nota- non solo in termini di servizi per la cittadinanza e di personale, ma anche in termini di manutenzione della struttura. A seguito dei numerosi sopralluoghi effettuati dall’Amministrazione abbiamo più volte segnalato alle dirigenze gli inconvenienti e da anni attendevamo gli interventi. Parliamo di lavori che garantiranno l’igiene e la sicurezza degli operatori, dei malati e dei familiari”. In effetti parecchi sono ancora oggi i punti critici. “Nella RSA, infatti, non sono funzionanti i relativi servizi igienici e manca addirittura la fornitura dell’acqua. Lo stesso dicasi nel Punto Assistenza Territoriale, ex punto di primo intervento, i cui bagni al pubblico sono oramai da anni chiusi. Alcuni ambulatori recano uno stato di incuria, allo stesso modo un immobile adiacente alla struttura ospedaliera si presenta in pessime condizioni”.

Ed ora una riflessione non senza una punta polemica. “Apprendiamo oggi – sottolineano i firmatari la nota – il comunicato dell’assessore regionale Bora in cui si annuncia l’inizio dei lavori per risolvere le problematiche sopra indicate. Sembra, finalmente, che le richieste avanzate dall’Amministrazione comunale di Chiaravalle siano state ascoltate e i lavori, promessi da anni, verranno finalmente realizzati. Come dire… meglio tardi che mai! Ben vengano le elezioni comunali per convincere l’Asur e quindi di riflesso la Regione Marche, a stanziare i relativi fondi per potenziare e mantenere il nostro ospedale. Speriamo allora che le elezioni regionali arrivino presto. In questo modo il Presidente Ceriscioli si ricorderà di nuovo dell’esistenza dell’ospedale di Chiaravalle. Pensandoci bene c’è poco da gioire. Dopo l’eliminazione di servizi nel nostro ospedale, voluta dalla Giunta Spacca e poi da quella Ceriscioli, rimaniamo perplessi nel sentire le grida di giubilo emesse dalla segreteria locale del Pd per una mera manutenzione richiesta oramai da anni ed anni”.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it