Da Marina di Montemarciano scatta la solidarietà per i bambini terremotati di Pieve Torina

Da Marina di Montemarciano scatta la solidarietà per i bambini terremotati di Pieve Torina

Mercoledì 23 maggio il gestore del ristorante Da Nialtri donerà parte del ricavato per la sistemazione e messa in sicurezza del laghetto vicino al parco bimbi. Iniziativa attuata in collaborazione con il “Comitato la terra trema, il cuore No Onlus”

MARINA DI MONTEMARCIANO – Anche quest’anno Da Nialtri si porta avanti l’iniziativa partita l’anno scorso: dedicare un’intera giornata alla solidarietà. Quest’anno la beneficenza dei gestori del ristorante del lungomare di Marina di Montemarciano sarà interamente dedicata, con grande gioia, ai bambini.
Il gruppo di volontari, in collaborazione con il dottor Salvatore Stasolla medico-pediatra del posto, stanno restaurando il parco giochi di Pieve Torina, città vittima del terremoto. Un’iniziativa che serve per mettere in sicurezza il laghetto all’interno del parco.
Per poter estendere a tutti la possibilità di contribuire, si è deciso di organizzare una raccolta fondi presso il ristorante Da Nialtri di Marina di Montemarciano.
In questa giornata sarà possibile pranzare e cenare, il ristorante devolverà l’incasso ricevuto per il primo piatto “Vincisgrassi di mare” per finanziare appunto il restauro del laghetto, per la felicità dei bimbi.

“La nostra iniziativa – si legge in una nota dei promotori – ha avuto inizio subito dopo il sisma dell’agosto 2016, portando alle popolazioni tutto l’occorrente ed i generi di prima necessità come: cibo, vestiti, sapone, fazzolettini umidificati ecc. I nostri viaggi sono stati molto frequenti, ad oggi siamo a 30 viaggi solidali. Abbiamo pensato a tutti e in ogni occasione, tipo: a Natale abbiamo attivato delle raccolte di panettoni, come anche a Pasqua con le uova e le colombe, abbiamo pensato agli anziani, cercato di portare loro quello di cui avevano bisogno, per fare un esempio, una coppia di anziani che abita in un container, essendo rialzato da terra avevano messo dei blocchi da muratore per agevolare l’entrata nel container, grazie alla solidarietà e alla collaborazione con dei volontari locali, come Ornella Gioconi di Ancona, gli abbiamo fatto costruire una scala in ferro zincato a misura e più sicura, rendendo felici i nonni. Come Ornella, nelle Marche con il tempo abbiamo conosciuto tanti donatori locali e unendo le nostre forze, abbiamo collaborato per le varie distribuzioni. Adesso, non potendo fare altro, ci siamo specializzati nella creazione dei parchi bimbi, dove anche gli adulti, grazie all’area attrezzata, possono stare tranquillamente a sedere e controllare i propri bimbi, consentendo loro di giocare in sicurezza.

“Tutto questo è stato possibile grazie all’unione delle nostre forze, creando un gruppo su Facebook e WhatsApp, siamo riusciti con grande grinta, umiltà e affetto a regalare un sorriso ai bambini colpiti dal sisma. Per adesso siamo al nostro secondo parco, uno a Pieve Torina (già completato) e uno a Muccia con i giochi già tutti acquistati.

“In questo progetto hanno partecipato, privati, associazioni e tanta gente da lontano, tutto questo è stato possibile solo grazie alla trasparenza di tutte le operazioni ed il bello è che neanche ci conosciamo ma che siamo stati in grado di arrivare a tanto, divertendoci a farlo. Questa iniziativa nel tempo ha fatto innamorare tanti imprenditori e semplici cittadini, sposandola e aiutandoci in tutti i modi.

“Per fare un esempio, mercoledì 23 maggio il gestore del ”Ristorante da Nialtri” a Marina di Montemarciano, donerà il ricavato del primo, sia a pranzo che a cena, per la sistemazione e messa in sicurezza del laghetto di Pieve Torina adiacente al parco bimbi, con la collaborazione del ”Comitato la terra trema, il cuore NO Onlus”.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it