Litiga con la fidanzata, poi si scaglia contro i carabinieri: arrestato un senigalliese di 42 anni

Litiga con la fidanzata, poi si scaglia contro i carabinieri: arrestato un senigalliese di 42 anni

SENIGALLIA – Litiga con la fidanza che si era rifiutata di andare con lui a casa. Un senigalliese di 42 anni, sotto l’effetto dell’alcool, è stato arrestato dai Carabinieri della Compagnia di Senigallia per resistenza a pubblico ufficiale.

E’ accaduto la notte tra venerdì e sabato a Sant’Angelo. Una donna ha telefonato al “112” chiedendo l’intervento dei Carabinieri perché il suo fidanzato non la lasciava andare via. Sul posto è intervenuta una pattuglia del Nucleo Radiomobile. La coppia era sotto casa di lui e discuteva animatamente.

La donna ha poi spiegato ai militari che il suo fidanzato aveva abusato con l’alcool e non la lasciava andare via, pretendendo che lei lo seguisse a casa sua contro la sua volontà. I Carabinieri hanno cercato di ricomporre la situazione e l’uomo, in un primo momento, sembrava si fosse anche convinto. Invece, poco dopo che la fidanzata si era allontanata a piedi per raggiungere la sua abitazione, il 42 enne anziché salire in casa si è messo alla guida della sua auto, mettendosi alla sua ricerca, sorpassando sulla strada a velocità sostenuta l’autoradio dei carabinieri che, nel frattempo, era tornata a svolgere il normale servizio d’istituto.

I militari, a quel punto, al fine di evitare pericoli alla sicurezza stradale hanno attivato lampeggianti e sirene ponendosi all’inseguimento dell’uomo. Nella zona è arrivata in ausilio anche una seconda auto del Nucleo Radiomobile. Dopo alcuni chilometri di inseguimento, durante i quali l’uomo, con manovre spericolate, aveva tentato di sfuggire alla vista dei Carabinieri, l’automobilista è stato costretto a fermarsi.

Nella circostanza, il 42enne, prima si è rifiutato di scendere dal veicolo e consegnare le chiavi poi ha aggredito i militari apostrofandoli con frasi minacciose, spintonandoli e strattonandoli, tanto da costringere i Carabinieri ad immobilizzarlo al fine di scongiurare ulteriori conseguenze.

Il 42 enne è stato condotto in caserma dove è stato dichiarato in arresto per il reato di resistenza a pubblico ufficiale. Inoltre è stato sottoposto anche agli accertamenti per verificare l’abuso di alcool risultando positivo con un tasso del 1,26 gr/lt per cui è stato anche denunciato per guida sotto l’influenza dell’alcool. La patente di guida gli è stata ritirata e gli sono state contestate le violazioni al codice della strada per la guida pericolosa.

Dopo aver trascorso il resto della notte in camera di sicurezza l’uomo è stato presentato dinanzi al Giudice del Tribunale di Ancona che ha convalidato l’arresto. L’imputato, attraverso il suo legale, ha chiesto i termini a difesa. La prossima udienza è fissata per la fine di maggio.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it