Il cordoglio della Consulta dello Sport e del sindaco di Senigallia per la scomparsa di Stefano Pompei

Il cordoglio della Consulta dello Sport e del sindaco di Senigallia per la scomparsa di Stefano Pompei

SENIGALLIA – La Consulta dello Sport del Comune di Senigallia si stringe alla famiglia nel triste momento della scomparsa di Stefano Pompei. Il presidente della Polisportiva Senigallia faceva parte del Comitato Esecutivo della Consulta dal 2016, partecipando con assiduità e competenza alle varie sedute, appoggiando tutte le iniziative che la Consulta ha preso nel tempo.

Il presidente Domenico Ubaldi ricorda la grande passione per lo sport del dirigente senigalliese, unita all’integrità personale e alla serenità che ne hanno fatto un vero e proprio maestro. Sotto la guida del presidente Pompei la Polisportiva si è aperta maggiormente ai valori sociali dello sport, aderendo quest’anno al progetto dei Servizi Sociali del Comune per far praticare sport gratuitamente a ragazzi di famiglie con disagio economico. E proprio per questo la Polisportiva Senigallia riceverà un riconoscimento pubblico, insieme a altri sei club, in occasione della manifestazione congiunta delle Consulte venerdì 27 aprile alle ore 21,00 al teatro La Fenice.

“La scomparsa di Stefano Pompei – afferma il sindaco di Senigallia – priva la città e lo sport senigalliese di un grande uomo che ha saputo interpretare quotidianamente e trasmettere ai suoi allievi i valori profondi e genuini della sua passione per il judo: l’educazione, il coraggio, la sincerità, l’onore, la modestia, il rispetto e l’amicizia. Con la stessa ottica Stefano si è dedicato alla crescita della Polisportiva Senigallia, incoraggiando sempre istruttori e ragazzi a un sano agonismo e alla formazione fisica e morale attraverso la pratica sportiva. Di certo il suo lavoro ha dato anche molto lustro alla nostra città, grazie agli importanti risultati colti a livello nazionali dai giovani campioni da lui stesso allevati. Sul piano personale ho potuto apprezzare in primo luogo le sue doti umane e lo spirito di collaborazione che ha contraddistinto il suo rapporto con il Comune, portato avanti sempre nell’interesse degli atleti, delle famiglie e dello sport senigalliese. Sono certo che il suo esempio continuerà a vivere nei giovani e in tutti coloro che hanno avuto la fortuna di incontrarlo. A nome mio e di tutta l’Amministrazione comunale esprimo il più sentito cordoglio alla moglie Maria Laura e ai figli Francesca e Giulio”.

Ed anche il Tennistavolo Senigallia partecipa al lutto del mondo sportivo cittadino per la scomparsa prematura del presidente della Polisportiva Stefano Pompei (nella foto insieme ad Enzo Pettinelli) a cui era legato da rapporti di collaborazione da circa un ventennio.

La prima esperienza in comune risale infatti agli inizi degli anni 2000 con l’organizzazione di Centri multidisciplinari di avviamento allo sport, in cui i ragazzini conoscevano più sport (basket, volley, tennistavolo, scherma, ginnastica,judo), progetto che il CONI di Roma finanziò per la sua carica di innovazione. E sempre con il CONI negli ultimi anni, superati i Centri di Avviamento allo Sport con i più moderni Centri CONI, Polisportiva e Tennistavolo hanno sviluppato progetti comuni abbinando polimotricità a discipline specifiche.

Ciò che ha legato le anime delle due società (Enzo Pettinelli da una parte e Stefano Pompei dall’altra) è stata l’attenzione al mondo giovanile e la sensibilità nel rapportarsi con i più giovani, oltre alla capacità di collaborare, qualità che poi non è così frequente in ambito sportivo.

Gli associati del tennistavolo e la Società porgono le più sentite condoglianze alla famiglia.

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it