Giovanissimi inventori di Fano donano un gioco speciale all’Unione Italiana Ciechi

Giovanissimi inventori di Fano donano un gioco speciale all’Unione Italiana Ciechi

Autori del progetto, che si inserisce nel concorso “Da grande vorrei fare l’inventore”, sono stati i ragazzi della classe 5A della scuola primaria Filippo Montesi di Sant’Orso

FANO – Nell’ambito dell’assemblea provinciale dell’Unione Italiana Ciechi di Pesaro e Urbino, i giovani studenti della classe 5 A della scuola primaria Filippo Montesi di Sant’Orso, hanno consegnato un dono speciale all’associazione.

Stiamo parlando di Animal Cube, un puzzle composto da 6 cubi di cartoncino con la particolarità che le figure rappresentate sono in rilievo grazie a del nastro adesivo e zucchero. Questa particolare tecnica permetterà ai bambini ciechi e ipovedenti di riconoscere le figure e quindi di comporre con facilità il rompicapo.

Questo progetto si inserisce nel concorso scolastico “Da grande vorrei fare l’inventore”, organizzato dall’associazione “Il piccolo grande Alessandro Onlus” che coinvolge tutte le scuole primarie fanesi con oltre 300 bambini. La particolarità è che la classe in questione, che ha realizzato l’Animal Cube, ha deciso autonomamente di realizzare un gioco destinato a bambini con disabilità.

L’Unione Italiana Ciechi ha donato a sua volta una targa di ringraziamento per la sensibilità.

Tutta la classe e 2 insegnanti erano presenti durante la manifestazione grazie anche agli uffici dei Servizi Educativi che hanno messo a disposizione un pulmino, al dirigente Flavio Bosio.

I giovani inventori che hanno partecipato al progetto sono: Sara Napolitano, Samuele Iacucci, Luca Montevero, Francesco Ponticelli, Francesco Pio Forte con la maestra Vera Capriotti e il maestro Roberto Panaroni.

 

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it