Dalla Raffineria esalazioni ridotte ma a Falconara resta l’allarme

Dalla Raffineria esalazioni ridotte ma a Falconara resta l’allarme

Confermato che non sono stati segnalati fenomeni acuti di tipo sanitario. Ribadita l’opportunità di aerare i locali

FALCONARA – Questa mattina, presso la Sala del Leone della sede municipale di Falconara Alta, si è nuovamente riunito il tavolo tecnico per un aggiornamento dell’incontro tenutosi lunedì sera. Hanno partecipato rappresentanti del Comune di Falconara Marittima, dell’API Raffineria di Ancona S.p.a., dell’ARPAM Dipartimento di Ancona, direzione tecnica scientifica e Servizio inquinamento atmosferico regionale, dell’ASUR – Dipartimento di prevenzione Area vasta 2 e Servizio Sanità Regione Marche, dei Vigili del Fuoco del Comando Provinciale di Ancona, del Servizio Protezione Civile della Regione Marche.

In apertura, il sindaco ha dato la parola al rappresentante di API Raffineria che ha confermato la tempistica indicata in precedenza nell’incontro del 16 aprile,  dichiarando che la quantità di prodotto sul tetto del serbatoio TK61 è stata notevolmente ridotta ed è stato aggiunto un sistema di aspirazione a quelli precedentemente in uso ed è in fase di completamento la realizzazione dell’apertura sul mantello del serbatoio che consentirà di accelerare la rimozione del prodotto residuo.

Le concentrazioni rilevate nella notte sono state in costante riduzione giungendo ai livelli di fondo registrabili in condizioni normali sino alle ore 10; la rilevazione alle ore 11 ha evidenziato un modesto aumento, in linea con quanto ipotizzato rispetto alle condizioni meteo odierne. Viene confermato che non sono stati segnalati fenomeni acuti di tipo sanitario. Viene ribadita la opportunità di aerare i locali, come già precisato nei precedenti comunicati.

Si confermano le previsioni meteo per la giornata odierna con presenza di venti nella seconda parte della giornata provenienti da nord con possibili disagi per la popolazione. Il tavolo viene aggiornato per oggi alle ore 15 presso la Sala Operativa della Protezione Civile della Regione Marche.

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it