Con Federico Mondelci e Gianni Iorio gran finale domenica della stagione concertistica di Senigallia

Con Federico Mondelci e Gianni Iorio gran finale domenica della stagione concertistica di Senigallia

SENIGALLIA – Gran finale della stagione concertistica: Federico Mondelci, sassofonista e direttore artistico della rassegna, in duo con il  pianista Gianni Iorio concluderanno domenica 22 alle 17 presso la Rotonda a Mare la Stagione Concertistica 2018 del Comune di Senigallia con il progetto musicale dal titolo “Latino Mediterraneo”.

Il programma ruota intorno al tango e comprende capolavori di Carlos Gardel, brani di raro ascolto di Astor Piazzolla, volgendo poi l’attenzione alle nuove frontiere del tango attraverso le composizioni di Javier Girotto e Gianni Iorio di cui verrà eseguito il brano “Il Canto del Mare” in prima esecuzione assoluta proprio davanti al mare della Rotonda.

La presenza nel programma di autori argentini e italiani getta un ponte ideale tra i due continenti, da qui il titolo scelto “Latino Mediterraneo”.Federico Mondelci è un concertista internazionale che da anni rivolge il suo sguardo al tango di Astor Piazzolla proponendo sue orchestrazioni originali per sassofono e orchestra. Gianni Iorio, pianista, bandoneonista e compositore, è un grande interprete del tango e vanta una prestigiosa collaborazione con Luis Bacalov e con la Grande Orchestra Tipica di Tango “Alfredo Marcucci”.

IL PROGRAMMA MUSICALE NEL DETTAGLIO:

Carlos Gardel  (1890 – 1935)  – Volver, Mi Buenos Aires Querido, El Dia que me quieras

Astor Piazzolla (1921 – 1992) – Four Tangos

Javier Girotto  (1965)  – Patagonia, Morronga la Milonga

Gianni Iorio  (1972) – Giorni di Marzo, Sagra d’Estate, Chacarera Gringa,  Il Canto del Mare (prima esecuzione assoluta)

 Inizio concerto: ore 17.00

Prezzo dei biglietti: posto unico € 10

Biglietteria:

Teatro La Fenice: venerdì e sabato dalle ore 17 alle ore 20

Rotonda a Mare: concerti pomeridiani dalle ore 15 alle ore 17

Info: 0717930842 – 335 1776042 info@fenicesenigallia.it

www.enteconcerti.it/senigallia2018.htm

FEDERICO MONDELCI

Docente, camerista, Solista e Direttore d’Orchestra, Federico Mondelci è da trent’anni, uno dei maggiori e più apprezzati interpreti del panorama musicale internazionale.

Diplomato in sassofono al Conservatorio di Pesaro, ha studiato anche canto, composizione e direzione d’orchestra; ha perfezionato gli studi al Conservatorio Superiore di Bordeaux sotto la guida del M° Jean-Marie Londeix, diplomandosi con “Medaglia D’Oro” all’unanimità. Federico Mondelci svolge la sua carriera a fianco di orchestre quali la Filarmonica della Scala con Seiji Ozawa, I Solisti di Mosca con Yuri Bashmet, la Filarmonica di San Pietroburgo e la BBC Philharmonic sui palcoscenici più famosi del mondo: in Europa, Usa, Australia e Nuova Zelanda.

Il suo repertorio non comprende solo le pagine ‘storiche’ ma è particolarmente orientato verso la musica contemporanea e Federico Mondelci affianca il suo nome accanto ai nomi dei grandi autori del Novecento (quali Nono, Kancheli, Glass, Donatoni, Sciarrino, Scelsi, Gentilucci, Graham Fitkin, Nicola Piovani e altri compositori della nuova generazione); eseguendone le composizioni spesso a lui espressamente dedicate, produzioni di straordinario successo che lo conclamano come raffinato solista di raro e straordinario talento. Federico Mondelci ha registrato il repertorio solistico con orchestra, (sia il repertorio per duo con pianoforte sia per ensemble), per le etichette Delos e Chandos, e numerose produzioni che riflettono il suo grande entusiasmo per la musica contemporanea, come il CD RCA dedicato ad autori italiani e quello monografico su Giacinto Scelsi (per l’etichetta francese INA); quest’ultimo ha in fine ottenuto il “Diapason D’Or”. Tale interesse verso la nuova musica lo ha portato a collaborare con grandi compositori, tra i quali Philippe Glass, Giya Kancheli, Luciano Berio, Giacinto Scelsi, Michael Nyman, Franco Donatoni, Henri Pousseur, Graham Fitkin.

Alla apprezzatissima carriera di solista, il maestro Mondelci, nel tempo, affianca una sempre più rilevante carriera nella Direzione D’Orchestra.

Ed ultimi quindi, ma non meno importanti, proprio i successi conseguiti nella direzione d’orchestra, al cui centro spiccano i nomi di celebri solisti, come Ilya Grubert, Michael Nyman, Kathryn Stott, Pavel Vernikov, Nelson Goerner, Francesco Manara, Natalia Gutman e Luisa Castellani.

Fondatore inoltre nel 1982 dell’Italian Saxophone Quartet e nel 1995 dell’Italian Saxophone Orchestra, si esibisce con entrambe queste apprezzate formazioni sia in Italia che all’estero, riscuotendo grande successo di pubblico e critica.

Le sue apparizioni come solista e come direttore solista comprendono l’Orchestra del Teatro Alla Scala, la New Zealand Symphony Orchestra, la BBC Philharmonic, la Filarmonica di san Pietroburgo, l’Orchestra da Camera di Mosca, l’Orchestra Sinfonica di Bangkok.

Nella occasione del bicentenario della nascita di Adolphe Sax, inventore del sassofono, ha ricevuto l’invito dalla Filarmonica di San Pietroburgo ad esibirsi come direttore e solista in un concerto di “gala” in data 26 giugno 2014, nella prestigiosa stagione diretta da Yuri Termirkanov. Ritornerà alla Filarmonica di San Pietroburgo nel marzo 2018.

Nel 2017 gli è stato conferito l’importante riconoscimento di “Marchigiano dell’anno”. www.federicomondelci.com

GIANNI IORIO

Pianista e bandoneonista, nato a Foggia nel 1972, ha compiuto i suoi studi musicali presso il Conservatorio di musica “U. Giordano ” di Foggia diplomandosi in pianoforte con il massimo dei voti e la Menzione d’Onore, perfezionandosi successivamente con i Maestri Franco Scala e Sergio Perticaroli.

Fin dai primi mesi di studio è risultato vincitore di numerosi concorsi pianistici e di musica da camera nazionali e internazionali; sono da ricordare i primi premi ai concorsi: “A.M.A. Calabria” di Lamezia Terme (edizioni 1983 e 1991),G.B. Pergolesi ” di Napoli, “Agorà 80” di Roma, “Euterpe” di Corato, “I. Strawinsky ” di Bari, 3o Internatinal Competition of Music “M. Polivineo Tribute ” di Teramo, Giuseppe Vignali ” di Verucchio, “Città del Vasto , Franz Schubert “ di Tagliolo Monferrato, concorso internazionale “Lario in musica ” di Varenna.

Ha intrapreso una brillante attività concertistica anche in qualità di bandoneonista sostenendo numerosi concerti nelle città, teatri, jazz clubs e festival più prestigiosi d’Europa e del mondo tra i quali sono da ricordare:

Teatro Eliseo di Roma, Comunale di Bolzano, La Fenice di Venezia, Carlo Felice di Genova, Lauro Rossi di Macerata, Paisiello di Lecce, Giordano di Foggia, Abeliano di Bari, Piccolo Regio di Torino, Teatro Massimo di Palermo, Teatro “Giovanni da Udine”di Udine, Teatro Rossetti di Trieste, Palazzo Barberini , Teatro dell’Opera e Auditorium “Parco della Musica” di Roma, Palazzo Grassi di Venezia, Castello di Nymphenburger a Monaco di Baviera, Accademia di alto perfezionamento di Bratislava, La Palma club e Alexanderplatz jazz club a Roma, Ferrara jazz club, Folk Club a Torino, Porgy & Bess a Vienna, Duc de Lombard a Parigi, B.P. jazz club di Zagabria, Festival Internazionale della Valle d’Itria, Festival Internazionale di Fivizzano, Festival Internazionale di Tagliacozzo, Festival Internazionale di Cervo Ligure, Ravello festival, Festival “Musiche Sulle Bocche “, Macerata Jazz Festival, Festival Italo Argentino “Un Ponte Tra Culture”delle Marche, Bolzano Jazz & Other, Villa Celimontana Jazz Festival di Roma, Emilia Romagna Festival, Dusseldorf Jazz Rally, Istituto Italiano di Cultura a Bucarest , Gulf Jazz Festival (Bahrain e Kuwait City), Jarasum Jazz festival (Corea del Sud) ecc..

Ha registrato per importanti etichette discografiche quali Real Sound, Philology, Dodici Lune, Jazzhaus, Universal , Rai Trade e Enja Records.

Ha collaborato e collabora attualmente con artisti di fama internazionale quali Alfredo Marcucci, Javier Girotto, Gabriele Mirabassi, Natalio Mangalavite, Marco Siniscalco, Gianluca Renzi, Giovanni Tommaso, Michele Rabbia, Federico Mondelci, Horacio Ferrer ( poeta di tango e paroliere prediletto di Astor Piazzolla) e l’attore Michele Placido.

Per circa dieci anni ha suonato nei più prestigiosi teatri d’Italia con il “Premio Oscar” Luis Bacalov.

Attualmente è Direttore e 1° Bandoneon della Grande Orchestra Tipica di TangoAlfredo Marcucci.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: