Oneri di urbanizzazione ridotti a Senigallia per rilanciare il settore edilizio

Oneri di urbanizzazione ridotti a Senigallia per rilanciare il settore edilizio

Il Consiglio comunale ha approvato la riduzione temporanea e la dilazione del pagamento dei contributi concessori per la monetizzazione delle aree di urbanizzazione secondaria

Oneri di urbanizzazione ridotti a Senigallia per rilanciare il settore edilizioSENIGALLIA – Dal Consiglio comunale dell’altro giorno arrivano buone notizie per il mondo dell’edilizia, sia per i cittadini che per le aziende. L’assise municipale, infatti, ha approvato due importanti delibere volte a sostenere un settore purtroppo da tempo in crisi, complice anche le difficoltà di accesso al credito bancario.

La prima riguarda la riduzione temporanea degli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria per interventi di manutenzione straordinaria quali ristrutturazioni, ampliamenti e nuove costruzioni.  Si tratta di un provvedimento biennale che prevede nel primo anno, dal 1° aprile 2018 al 31 marzo 2019, la riduzione di tali oneri del 30% rispetto a quelli calcolati a regime ordinario, e del 10% nel secondo anno, cioè dal 1° aprile 2019 al 31 marzo 2020. Tali riduzioni riguarderanno sia le pratiche edilizie presentate allo Sportello Unico per l’Edilizia che allo Sportello Unico per le Attività Produttive relative a interventi edilizi soggetti al versamento degli oneri concessori, escludendo ovviamente le pratiche di condono edilizio e le pratiche edilizie di sanatoria ordinaria. Inoltre, la riduzione verrà applicata sia ai soggetti che opteranno per il versamento totale degli oneri concessori al rilascio del provvedimento, sia a coloro che sceglieranno di versare oneri concessori rateizzati.

Il secondo provvedimento, invece, prevede un’estensione della rateizzazione dei contributi concessori al Comune di Senigallia per quanto concerne la monetizzazione delle Aree di urbanizzazione secondaria (parcheggi). Il pagamento di tali contributi potrà essere dilazionato in dieci rate (due all’anno per un massimo di cinque anni) anziché le attuali quattro (in due anni). In questo caso, l’intervento prevede il pagamento di interessi legali a partire solo dal terzo anno.

“Si tratta di provvedimenti contenuti nelle linee programmatiche dell’Amministrazione comunale – spiega il sindaco Maurizio Mangialardi – che hanno lo scopo di favorire la ripresa economica del settore edilizio. Tramite la riduzione temporanea degli oneri di urbanizzazione e la possibilità di rateizzare su un maggior numero di anni i contributi concessori per la monetizzazione delle Aree di urbanizzazione secondaria, vogliamo incentivare interventi più significativi di manutenzione straordinaria, in particolare nel centro storico e sul lungomare”.

“Non va dimenticato – aggiunge l’assessore alla Pianificazione urbanistica Maurizio Memè – che questi interventi si uniscono agli sgravi fiscali contenuti nelle ultime leggi di stabilità del governo nazionale, ma soprattutto ad altre misure già varate dall’Amministrazione comunale come la variante al Piano Particolareggiato del Centro Storico e la gratuità dell’occupazione di suolo pubblico per i primi sei mesi di cantiere, nonché la sua riduzione del 25% rispetto al canone dovuto per i cantieri fino a un anno e la riduzione del 75% nel caso di interventi che prevedano la riqualificazione dell’involucro esterno di un fabbricato”.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: