No alle guerre, a Senigallia un programma didattico di visite guidate alla mostra con gli scatti di Giorgio Pegoli

No alle guerre, a Senigallia un programma didattico di visite guidate alla mostra con gli scatti di Giorgio Pegoli

No alle guerre, a Senigallia un programma didattico di visite guidate alla mostra con gli scatti di Giorgio Pegoli No alle guerre, a Senigallia un programma didattico di visite guidate alla mostra con gli scatti di Giorgio Pegoli

SENIGALLIA – “Donne e guerra”, è il tema della mostra fotografica che da sabato 3 marzo 2018 fino al 8 aprile è aperta nelle sale della Rocca Roveresca. Noi fotografe dell’Associazione “Io Fotoreporter/Donna” pensiamo che sia utile che gli studenti delle scuole senigalliesi possano visitare questa mostra, che ha un alto valore didattico e possano incontrare Giorgio Pegoli per sentire dalla sua stessa voce le emozioni di un fotoreporter che ha visto da vicino gli orrori delle guerre e le sofferenze dei più deboli. Come fotografe ci mettiamo dunque a disposizione dell’assessore alla Cultura Simonetta Bucari e dei dirigenti scolastici e docenti che desiderino consentire ai loro allievi l’esperienza della visita guidata alla mostra e dell’incontro con l’autore. Le scuole interessate ed i docenti per l’organizzazione delle visite guidate possono telefonare alla segreteria del Musinf (Paolo Catalani tel 07160424, orario d’ufficio).

Le fotografie di Giorgio Pegoli sono il risultato di oltre cinquanta viaggi dell’artista senigalliese volti a documentare i grandi conflitti della seconda parte del ‘900. L’iniziativa è sostenuta dalla Fondazione Città di Senigallia e si inserisce nell’ambito dell’attività della Scuola di Pace e nel contesto delle attività organizzate dall’Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Senigallia. L’esposizione rimarrà aperta fino al prossimo 8 aprile, è incentrata sulla donna e sul suo ruolo cruciale nei momenti difficili e dolorosi della guerra. Le fotografie sono il risultato di oltre cinquanta viaggi volti a documentare i grandi conflitti della seconda parte del ‘900, dal Vietnam all’Iraq, dalla Bosnia al Ciad alla Russia. Le opere di Giorgio Pegoli sono esposte presso il Museo della Fotografia di Losanna, il Museo delle Culture Europee di Berlino e la Fondazione Matiz di Città del Messico.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it