Il giornalismo nella società 4.0, consegnato a Urbino il Sigillo di Ateneo a Carlo Verna

Il giornalismo nella società 4.0, consegnato a Urbino il Sigillo di Ateneo a Carlo Verna

Nella lectio in Aula magna del presidente nazionale dell’Ordine dei giornalisti il rapporto tra etica e informazione. E’ intervenuto anche il presidente del Consiglio regionale Antonio Mastrovincenzo: “Vanno colte le opportunità della rivoluzione digitale, ma la persona deve continuare ad essere al centro”

URBINO – Il presidente del Consiglio regionale Antonio Mastrovincenzo è intervenuto oggi all’Università di Urbino alla cerimonia di consegna del Sigillo di Ateneo a Carlo Verna, presidente nazionale dell’Ordine dei giornalisti. L’edizione del 2018 del premio, promosso dall’Istituto per la formazione al giornalismo, è stata dedicata al tema “Etica e informazione. Il giornalismo nella società 4.0”. “Stiamo vivendo un’epoca di rivoluzione digitale di cui vanno colte tutte le potenzialità – ha detto Mastrovincenzo, in apertura della cerimonia – ma in cui la persona deve continuare ad essere al centro, in modo che l’uomo sia sempre padrone del proprio destino e non travolto da sistemi tecnologici che avranno, sempre più, un impatto notevole nella nostra società”.

“Le trasformazioni che sono in atto implicano cambiamenti a tutti i livelli e stanno incidendo fortemente sulla vita sociale ed economica – ha proseguito -, ma devono sempre essere motivo di crescita della comunità e tutti devono essere posti nelle stesse condizioni”. A questo proposito Mastrovincenzo ha citato l’impegno della Regione per garantire la banda larga e il piano nazionale per l’impresa 4.0, su cui è stata presentata anche una proposta di legge regionale. Il presidente ha insistito su un’informazione etica “se autonoma ed indipendente, e l’autonomia del giornalista serve a garantire l’obiettività dell’informazione al servizio unicamente della collettività”.

Nella motivazione del premio, letta dal Rettore dell’Università di Urbino Vilberto Stocchi, «testimone di un giornalismo di rigore e di ricerca costante della verità». Nella lectio del Presidente Verna, preceduta dall’introduzione della direttrice dell’IFG Lella Mazzoli, il ruolo del giornalista oggi. “La persona al centro dell’informazione – ha condiviso Verna – Non possiamo trovare nella velocità un alibi per non informare correttamente, abbiamo a che fare con le persone. Non prendiamo noi esempio dai social, ma diamo noi l’esempio ai social”. (l.v.)

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it