Accordo difficile da trovare nella vertenza Aerdorica: si va allo sciopero

Accordo difficile da trovare nella vertenza Aerdorica: si va allo sciopero

ANCONA – Vertenza Aerdorica: oggi, dopo il sit-in dei lavoratori ad Ancona,   sindacati e prefetto si sono incontrati. I sindacati hanno  illustrato la grave situazione economico-salariale dei lavoratori della società che gestisce il Sanzio, con il mancato pagamento delle retribuzioni di dicembre, gennaio e marzo.

Durante l’incontro, inoltre, si è discusso della corretta, effettiva, decorrenza del contratto di solidarietà, richiesta al competente Ministero. Filt Cgil, Fit Cisl e Uil trasporti Marche hanno poi ricordato che i lavoratori, con grande senso di responsabilità, hanno consentito l’operatività fino ad oggi dello scalo.

Ma l’ad unico, Federica Massei, ha dichiarato durante l’incontro di oggi, che, allo stato attuale, con un concordato in bianco e con le spese concorsuali da sostenere, non c’è liquidità per pagare gli stipendi. Quindi, i sindacati hanno deciso di proclamare lo sciopero la cui data è ancora da definire considerando che la legge 146 sul diritto di sciopero non consente di scioperare durante le festività.

<Ad oggi, non si conosce l’esito della procedura di autorizzazione della Ue per la ricapitalizzazione da parte della Regione – dichiara Valeria Talevi, segretaria generale Filt Cgil Marche -, presupposto per il salvataggio dell’aeroporto. Non  ci sono, poi, notizie riguardo alla possibilità di erogazione immediata da parte della Regione di contributi di circa 1-2 milioni di euro, richiesti dai sindacati a più riprese, per dare una boccata di ossigeno all’infrastruttura>.

Nelle foto: il sit-in dei lavoratori in Piazza del Plebiscito, ad Ancona

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: