A 70 anni dal primo insediamento Senigallia consegna la civica benemerenza agli Stabilimenti della Polizia di Stato

A 70 anni dal primo insediamento Senigallia consegna la civica benemerenza agli Stabilimenti della Polizia di Stato

La cerimonia in programma giovedì mattina alla Rotonda alla presenza del capo della polizia prefetto Franco Gabrielli

SENIGALLIA – A settant’anni dal primo insediamento, domani, giovedì 29 marzo, il sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi insignirà gli Stabilimenti della Polizia di Stato della civica benemerenza. L’appuntamento è alle ore 11 nella suggestiva location della Rotonda a Mare. Una grande festa cui prenderà parte anche il capo della polizia Franco Gabrielli.

“Siamo davvero molto orgogliosi – afferma il sindaco Mangialardi – di conferire la benemerenza cittadina a questa importante realtà del nostro territorio, che in questi settant’anni, con al sua meritoria attività, ha contribuito al benessere economico della città attraverso l’occupazione di molti lavoratori, alla promozione dell’immagine di Senigallia in ambito nazionale, a fornire aiuto e sostegno a molte comunità italiane in occasione di calamità naturali, dando in tal modo lustro alla città ed elevandone il prestigio. Così come siamo felici di poter condividere questo momento con il prefetto Gabrielli, il quale, nonostante i suoi molteplici impegni, ha deciso di onorarci della propria presenza per testimoniare e ribadire i valori che animano la Polizia di Stato, costantemente al servizio dei cittadini per la difesa della legalità e della giustizia. Da ultimo, ma non certo importanza, a nome di tutta la città, voglio esprimere il mio più sentito ringraziamento al dottor Giuseppe Tranzillo, al comando degli Stabilimenti dal 2015, per il lavoro che ancora oggi la sua struttura e i suoi uomini continuano a svolgere per il bene di Senigallia”.

Sorti nel 1948 sotto il nome di Centro Nazionale Recuperi di Senigallia nei pressi dello scalo ferroviario cittadino, dove arrivavano continuamente treni carichi di coperte, materassi, caschi coloniali, armi dei più diversi modelli e calibri che venivano lavorati dal personale assegnato alla struttura per essere poi recuperato e riutilizzato, dal 1959, con l’istituzione della Direzione degli Stabilimenti della Polizia di Stato,  viene costituito il Centro Nazionale Armi, deputato alla rimessa in efficienza dell’armamento dello stesso corpo.

Divenuto Centro Unico in Italia, nonché punto di riferimento nel sistema logistico della Polizia di Stato, nel corso degli anni gli Stabilimenti hanno convogliato centinaia di poliziotti da tutto il paese, i quali, spesso attirati dalle meravigliose bellezze della città, l’hanno poi prescelta come soggiorno per le proprie ferie estive o come luogo dove stabilirsi con la propria famiglia.

Non va poi assolutamente dimenticato come in questi sette decenni, gli Stabilimenti, oltre alle loro specifiche funzioni, abbiano svolto un’intensa attività di protezione civile, prestando il proprio supporto logistico nelle operazioni di soccorso in caso di pubbliche calamità, dal Polesine alluvionato alla frana della Valtellina, dal terremoto d’Abruzzo alla stessa alluvione che nel 2014 ha coinvolto Senigallia, che ha visto la partecipazione attiva di tutto il personale nel soccorso di tanti cittadini.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: