Fano protagonista anche nel pugilato con una spettacolare manifestazione nella Palestra Venturini

Fano protagonista anche nel pugilato con una spettacolare manifestazione nella Palestra Venturini

di MARCO MINARDI

FANO – Si è svolta a Fano, presso la Palestra Venturini, nell’ambito delle manifestazioni organizzate per il Carnevale di Fano, grazie al supporto dell’Ente Carnevale e del Comune di Fano, una riunione di pugilato dilettantistico interregionale (Marche – Emilia Romagna). Tale riunione è stata realizzata dalla Società Audax, e ha visto impegnati 16 pugili divisi in 8 incontri di diverso livello e categoria di peso.

Testimonial dell’evento Giorgio Campanella, che è stato premiato dal Vice Presidente dell’Ente Carnevale di Fano, Alfredo Pacassoni. Hanno assistito alle gare anche il Sindaco di Fano, Massimo Seri, l’Assessore allo Sport, Caterina Del Bianco, il Presidente del Comitato Regionale Marche FPI, Gabriele Fradeani, il rappresentante dei Tecnici, Antonio Raspugli, il Rappresentante del settore Amatori, Salvatore Tardivo, e il Rappresentate del settore giovanile, Andrea Gabbanelli. Anche tanti altri ex pugili e campioni si sono notati tra il pubblico. Uno tra tutti, Matteo Giovannini, ex Campione Italiano di Fano e delle Forze Armate.

Il pubblico che ha gremito l’impianto, ha seguito con interesse ed entusiasmo i pugili che si sono avvicendati sul ring, in quanto tutti i matches sono stati agguerriti, e ricchi di colpi di scena. Da notare che ben quattro degli otto incontri sono stati disputati da “Elite”. Niente male per essere la prima riunione delle Marche del 2018.

Tra gli atleti che si sono maggiormente distinti, c’è l’anconetano Leo Bonazza (Upa – 68kg – elite), che ha vinto meritatamente il match, contro il fanese Marco Bacchiocchi (Audax). Bacchiocchi ha cercato di mettere sotto pressione l’avversario durante tutta la gara, attaccandolo costantemente e cercando di chiuderlo alle corde, ma Bonazza si è confermato un pugile sgusciante e dotato di un notevole gioco di gambe e tempismo, tanto da anticipare puntualmente le azioni dell’avversario.

Fano protagonista anche nel pugilato con una spettacolare manifestazione nella Palestra VenturiniParticolarmente intenso agonisticamente parlando, è stato anche il match tra Alessandro Baldoni (Upa – 75 kg – elite) e Cristian Pagnoni (Audax). Un incontro inizialmente giocato sul piano tattico e poi con l’andare del tempo si è trasformato in una battaglia. Alla fine è prevalso l’anconetano anche perché Pagnoni, all’inizio della terza ripresa ha subito un richiamo ufficiale dall’arbitro.

Il derby tra Fano e Ancona viene in parte riequilibrato da Corrado Baraldi (Audax – 75 kg – elite) che batte per RSC nel secondo round, Giacomo Nabissi (Upa), all’esordio tra gli elite.

Il match migliore tecnicamente, è stato quello tra i pesi leggeri: Mattia Occhinero (Upa – 60 kg – elite) e Ario Guerra (Feretrana). Parte forte Guerra che sorprende nel primo round l’esperto Occhinero soprattutto sul piano atletico e dinamico. L’anconetano però recupera nella ripresa successiva grazie al suo diretto destro che è andato regolarmente a segno; frenando così la pressione del pugile della Feretrana. In equilibrio il terzo e decisivo round. Alla fine il verdetto è stato di parità.

Tra gli altri incontri si sono messi in evidenza, Giovanni Berluti (Audax – 65 kg – senior) che batte Emanuele Agostini (Cluana), confermandosi uno dei migliori pugili emergenti vincendo il suo quarto su cinque match, Di Giacomo Leonardo (BC Castelfidardo – 65 kg – senior) che vince ai punti contro Badr Jouami, candidandosi come uno dei protagonisti del prossimo e imminente Torneo Regionale Senior e Filippo Cafarcchia (Audax – 75 – senior) che vince ai punti contro Nicolò Pediconi, (Upa), match quest’ultimo tra due esordienti. Infine, Nicholas Zerola (Modena – 53 kg – youth) batte ai punti Achraf Taki (Nike).

Ufficiali di servizio: Alberto Lupi, Paolo Paglialunga, Fabrizio Longarini, Lorenzo Fiordelmondo; Commissario di riunione Stefano Di Clementi; medico di bordo ring Paolo Bruscoli; Cronometrista Adriano Pazzaglia.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it