Urbino Città Ideale conferma la sua identità di lista autonoma, eterogenea  e trasversale

Urbino Città Ideale conferma la sua identità di lista autonoma, eterogenea  e trasversale

URBINO – Si è tenuta la riunione del Comitato Urbino Città Ideale durante la quale si è discusso della situazione politica urbinate, guardando con interesse anche alla competizione elettorale del prossimo 4 marzo. Ciò che è stato ribadito è che il movimento Urbino Città Ideale è una lista autonoma, eterogenea  e trasversale, per cui nella circostanza delle elezioni politiche, pur collocandosi nell’ambito di centrosinistra, rispetterà le convinzioni personali di ciascuno.

Nel corso della riunione si è parlato inoltre dei recenti avvenimenti tra movimento e Partito Democratico. All’interno del comitato è stata condivisa la difesa dei componenti oggetto di attacchi personali, confermata l’intenzione di mantenere l’autonomia di Urbino Città Ideale, confermata la volontà di presentare una propria lista con un candidato o una candidata alla carica di sindaco, nella convinzione che gli elettori ricercano riferimenti nuovi per uscire dal clima conflittuale che ha condotto a un decadimento politico generalizzato.

A tutti i cittadini va garantito il diritto di esprimere liberamente le proprie idee: Urbino Città Ideale vuole essere espressione di questo diritto attraverso il convincimento e non attraverso il condizionamento.  Il movimento, alla pari di tutti i soggetti che intendono allearsi per dare alla città un governo plurale, attento e vicino alle dinamiche dei governi regionale, nazionale ed europeo, dichiara la propria apertura al dialogo ma rifiuta sudditanze e subordinazioni.

Urbino Città Ideale si presenta dunque come parte motrice di un progetto, volendo dimostrare autorevolezza e non autorità: “vi chiamiamo”, “sarete convocati”, “a tempo debito vi diremo come fare”… non sono espressioni che fanno parte del nostro vocabolario politico. Riteniamo oltretutto che vi siano regole di opportunità da rispettare e che quando si perde ci si debba fare da parte: la casa nuova non può essere progettata dai professionisti delle macerie!

Ancora nel corso della riunione  sono state approvate all’unanimità le iniziative programmate per il prossimo futuro. Sono già in cantiere incontri pubblici da tenere nelle varie realtà territoriali, il quartiere di Piansevero e il centro storico. Al primo posto in agenda ci sono temi di attualità: la crescita, il lavoro, la precarietà, la famiglia, i nuovi residenti. Tutto, per il movimento Urbino Città Ideale, prende il via da una convinzione profonda: i  giovani non sono un problema da risolvere ma una risorsa essenziale, la vera soluzione!

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it