Trentanovenne arrestato dai carabinieri di Senigallia, dovrà scontare 2 anni e 6 mesi di reclusione

Trentanovenne arrestato dai carabinieri di Senigallia, dovrà scontare 2 anni e 6 mesi di reclusione

SENIGALLIA – I Carabinieri della Stazione di Senigallia hanno arrestato un senigalliese di 39 anni colpito da un provvedimento della Procura della Repubblica di Ancona. Dovrà scontare la pena di anni 2 e mesi 6 di reclusione, poiché condannato con sentenze definitive in ordine ai reati di detenzione illegale di sostanze stupefacenti e rapina aggravata.

La pena riguarda due condanne inflitte nel 2016 e divenute irrevocabili. La prima a 6 mesi di reclusione è stata inflitta dal Tribunale di Pesaro per detenzione illegale di sostanze stupefacenti. L’inchiesta era stata avviata dai Carabinieri nell’agosto del 2013 dopo che a Pergola si era verificato un caso di decesso per overdose di eroina. Le conseguenti indagini portarono a scoprire un traffico di droga che aveva con base operativa a Senigallia. Sei persone furono rinviate a giudizio tra cui il trentanovenne arrestato oggi.

La seconda condanna a 2 anni di reclusione è stata invece inflitta dal Tribunale di Ancona per rapina aggravata in concorso.

La sera del 26 aprile 2014 a Senigallia, l’uomo, agendo con una complice, si rese responsabile dello scippo di borsa ai danni di un’anziana che nella circostanza rovinò a terra riportando un trauma distrattivo al rachide cervicale e al braccio sinistro.

L’uomo, che è stato rintracciato nella sua abitazione a Falconara Marittima, espletate le formalità di rito è stato associato nel carcere di Montacuto per l’espiazione della pena.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it