Camilla Fabbri ci ripensa ed accetta la candidatura alla Camera per il Pd nel collegio di Senigallia-Fano

Camilla Fabbri ci ripensa ed accetta la candidatura alla Camera per il Pd nel collegio di Senigallia-Fano

Fino a domenica sera la senatrice era stata indicata quale candidata nel  collegio uninominale del Senato di Pesaro, sua città natale e di residenza, dove era stata eletta nel 2013. Poi, da Roma, l’incredibile cambiamento

di CAMILLA FABBRI*

SENIGALLIA – Ho deciso di accettare la candidatura alla Camera per il Pd, nel collegio uninominale di Senigallia – Fano. Una decisione frutto di una riflessione non semplice, perché il collegio dove ero candidata, fino a domenica sera, era quello uninominale del Senato di Pesaro, mia città natale e di residenza, dove sono stata eletta nel 2013. Per il quale per altro avevo già accettato formalmente la candidatura. Solo la mattina seguente ho appreso di questo cambiamento leggendo le liste pubblicate sul sito del Pd.

Comprendo le motivazioni politiche legate agli equilibri con gli alleati, ma contesto il metodo, soprattutto sul piano umano.

Ed ho anche valutato di far valere le mie ragioni in sede civile. A chi mi ha chiesto, in proposito, di scegliere tra la via regolamentare oppure quella politica, ho risposto senza esitazione che, personalmente, non conosco altra via se non quella della Politica.

Credo sia comprensibile la mia incredulità di fronte a quanto accaduto ed è inutile nascondere che per un momento sono stata tentata di rinunciare.

Queste sono le occasioni in cui la politica rischia di manifestare i lati meno comprensibili. Dopo la prima reazione, confortata dal sostegno di tante e tanti compagni e amici, ho pensato che dovesse prevalere il bene collettivo piuttosto che la delusione personale.

Quello che conta veramente è la vita delle persone. I loro problemi e le loro speranze. E fare politica significa impegnarsi, costantemente, per dare risposte ai cittadini di questa Regione. Rinunciare significava fare un passo indietro, abbandonare il campo, tradire le attese di molti; significava abdicare ai valori che mi hanno spinta ad un impegno che in questi anni è stato totale, senza compromessi.

Ritirarsi significava rinunciare a quella idea di Politica e di Partito con la quale sono cresciuta. No, non lascio. E il mio impegno sarà ancora più forte e determinato, per la nostra comunità. Ho deciso quindi di accettare questa nuova sfida in un territorio in cui, per altro, sono stata sempre presente in questi anni. Sono sicura di poter contare sulla partecipazione, sull’entusiasmo e sulla grinta di tante e tanti di voi, che in queste ore mi avete sostenuta e spinta a continuare”.

*Candidata alla Camera per il Pd nel collegio uninominale di Senigallia – Fano

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it