Idee e proposte per il bilancio di previsione 2018 del Comune di Jesi

Idee e proposte per il bilancio di previsione 2018 del Comune di Jesi

Idee e proposte per il bilancio 2018 del Comune di JesiJESI – Lunedì 18 dicembre il Consiglio comunale esaminerà per la sua approvazione il Bilancio di Previsione 2018, vale a dire lo strumento finanziario che indica come saranno reperite le risorse e come le stesse saranno investite durante il prossimo anno.

Le linee guida sono le seguenti:

– sul fronte delle entrate, a parità di stanziamenti statali, una efficace lotta all’evasione che consenta di mantenere i livelli di accertamento raggiunti (oltre 1,2 milioni di euro), tasse e tributi locali senza aumenti, ad eccezione di un adeguamento della tassa rifiuti dovuto a maggiori costi esterni (discarica di Corinaldo, porta a porta alla zona industriale, rinnovo contratto personale) con tariffe comunque decisamente sempre più basse della media dei principali Comuni della provincia;

– ulteriore riduzione dell’indebitamento che scenderà da 18 a 13,8 milioni (misura che permetterà di liberare risorse per la spesa corrente per oltre un milione di euro) e rigoroso controllo della spesa;

– forti investimenti nell’edilizia scolastica (nuova Lorenzini, adeguamento su Duca Amedeo di Savoia e Martiri della Libertà i principali), nella pubblica illuminazione (nuovo progetto di riqualificazione energetica che interesserà migliaia di punti luci), nella videosorveglianza, nelle manutenzioni ordinarie (strade, marciapiedi, arredo urbano, verde);

– investimenti nelle infrastrutture immateriali per una città intelligente che punti ad ottimizzare ed innovare i servizi pubblici, partendo da una piena digitalizzazione dell’Ente.

La presentazione del bilancio al Consiglio Comunale riteniamo che sia un’occasione utile per ricevere idee e proposte da parte dei cittadini su questioni di carattere generale. Sulla rete civica comunale è stata pertanto predisposta una speciale finestre dove i cittadini potranno accedere per inviare i propri suggerimenti che saranno esaminati e valutati dall’Ufficio di presidenza del Consiglio Comunale.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it