Accogliere, proteggere, promuovere e integrare: giovedì a Senigallia confronto sui problemi dei migranti

Accogliere, proteggere, promuovere e integrare: giovedì a Senigallia confronto sui problemi dei migranti

SENIGALLIA – Share the journey, condividiamo il viaggio. È questa la campagna di Caritas Internationalis, lanciata in via ufficiale da papa Francesco durante l’udienza generale da piazza San Pietro il 27 settembre, davanti a migliaia di migranti, rifugiati e richiedenti asilo accolti grazie ai tanti progetti Caritas. La campagna (#sharethejourney), della durata di due anni e promossa in 160 Paesi del mondo, nasce con l’obiettivo di promuovere la cultura dell’incontro nelle comunità dove i migranti partono o ritornano, in quelle in cui si trovano a transitare e in quelle dove scelgono di stabilire le loro case e le loro famiglie.

Ecco quindi che a Senigallia giovedì 7 dicembre alle 18 nei locali del Teatro Portone, in piazza della Vittoria 22, grazie a SPRAR (Sistema di protezione rifugiati e richiedenti asilo), alla diocesi, a Fondazione Caritas e a Migrantes, si terrà un incontro di approfondimento attorno a quattro verbi fondamentali su cui riflettere: accogliere, proteggere, promuovere e integrare. La serata, moderata dalla giornalista Laura Mandolini, vedrà l’intervento di padre Fabio Baggio, sottosegretario della Sezione migranti e rifugiati del Dicastero per lo sviluppo umano integrale, di Mohamed Malih, blogger, scrittore e presidente della Consulta degli immigrati e dell’associazione Stracomunitari, e di Jasmine Shala Flores, studentessa del liceo scientifico Enrico Medi di Senigallia.

“Sarà un modo” spiega Ettore Fusaro, responsabile Caritas Marche “per capire e contribuire a far capire al pubblico perché così tante persone stanno lasciando la loro terra in questo preciso momento storico. Ma anche per stimolare le comunità a costruire relazioni con i rifugiati e i migranti del nostro territorio, per accendere una luce e illuminare la strada”.

Nella storia c’è sempre stato qualcuno costretto ad abbandonare il proprio Paese e i propri affetti per cercare una vita più degna per sé e per i propri cari, la migrazione è una questione molto antica: questa campagna mira ad aiutare le comunità a vederla con occhi nuovi e cuore aperto. Per usare le parole del Santo Padre: “Cristo ci chiede di accogliere i nostri fratelli e sorelle migranti e rifugiati a braccia aperte. Accogliere proprio così, con le braccia bene aperte, perché quando le braccia sono aperte sono pronte a un abbraccio sincero, affettuoso, avvolgente, come la Chiesa madre che abbraccia tutti nella condivisione del viaggio comune”.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it