Consegnato a Marzocca al professor Alfonso Benvenuto il Premio La Sciabica 2017

Consegnato a Marzocca al professor Alfonso Benvenuto il Premio La Sciabica 2017

Consegnato a Marzocca al professor Alfonso Benvenuto il Premio La Sciabica 2017Consegnato a Marzocca al professor Alfonso Benvenuto il Premio La Sciabica 2017Consegnato a Marzocca al professor Alfonso Benvenuto il Premio La Sciabica 2017

Consegnato a Marzocca al professor Alfonso Benvenuto il Premio La Sciabica 2017SENIGALLIA – È stato consegnato, domenica pomeriggio, al Centro Adriatico di Marzocca, allo storico preside dell’Istituto Panzini, professor Alfonso Benvenuto, il Premio La Sciabica 2017. Alla presenza delle autorità locali (hanno partecipato, tra gli altri, il sindaco Maurizio Mangialardi, la senatrice Silvana Amati e l’ex presidente della Provincia di Ancona Patrizia Casagrande) e di numerosi cittadini, la cerimonia si è aperta con uno scrosciante applauso in ricordo di Maurizio “Bobo” Paolasini, anima instancabile della comunità locale, scomparso prematuramente il mese scorso.

Questa la motivazione con la quale il comitato (composto da Giò Fiorenzi – pPresidente -, Donatella Angeletti, Edda Baioni, Claudio Costantini, Mauro Mangialardi, Camillo Nardini, on. Giuseppe Orciari, Cinzia Pierangeli, Mauro Pierfederici e Adriana Zucconi), con parere unanime, ha assegnato il premio al professor Benvenuto: “Per il quarantennale impegno dimostrato nella docenza e dirigenza dell’Istituto Alberghiero Panzini di Senigallia”.

Il Premio La Sciabica, consistente in un’opera della scultrice Giò Fiorenzi, è stato istituito nel 2004 dalla Filodrammatica di Marzocca. Ogni anno il riconoscimento viene assegnato a coloro che hanno rappresentato le Marche in tutti i campi, dallo sport alla cultura, o hanno contribuito a far conoscere le peculiarità della regione ovvero la marchigianità in Italia ed all’estero.

E chi meglio del professor Alfonso Benvenuto poteva ricevere – e meritare – un siffatto riconoscimento: giornalista pubblicista, insegnante, per ventisette anni ha guidato l’Istituto Alberghiero di Senigallia. L’attuale sede ed i molteplici successi internazionali di questa scuola, diciamolo chiaramente, si debbono unicamente al professor Benvenuto. E’ stato lui, con impegno e tenacia, a volere questa grande scuola. E ci è riuscito. Guidandola, fino al 2008 – quando è andato in pensione -, verso importanti successi.

La sua presenza ha caratterizzato la costante crescita dell’Istituto, divenuto in breve tempo un punto di riferimento nazionale ed internazionale. Grazie all’impegno di Benvenuto, non solo è stata costituita la rete nazionale fra tutti gli Istituti Alberghieri italiani, ma è nata l’AEHT (l’Association Européenne des Ecoles d’Hotellerie et de Tourisme che ha sede a Luxemburg): tale rete è riuscita a mettere in comunicazione tra loro i sistemi scolastici di 40 Paesi e 430 scuole turistiche e alberghiere.

Il professor Alfonso Benvenuto per un lungo periodo ha svolto una brillante attività giornalistica e per quattro anni è stato anche Consigliere comunale a Senigallia.

Nato a Corigliano Calabro, il professor Alfonso Benvenuto risiede a Senigallia dal 1962. Laureato in Economia e Commercio, dal 1968 è stato docente di Amministrazione Alberghiera al Panzini.

Nel 1982 ha vinto il concorso nazionale ed è diventato Dirigente dell’Istituto. Nel 1986 il Presidente della Repubblica Francesco Cossiga gli ha conferito l’Onorificenza di “Cavaliere al merito della Repubblica Italiana” per meriti scolastici.

Dal 1988 al 1990 ha rappresentato le Scuole alberghiere italiane in seno all’AEHT, organismo associativo che raduna le scuole alberghiere e del turismo dell’Unione Europea e dell’Est europeo.

Nel 2000, a Berlino, è stato eletto nello stesso organismo con carica di Vice Presidente effettivo, e nel 2003, a Copenaghen è stato designato, all’unanimità dei rappresentanti nazionali dei Paesi membri, Presidente europeo dell’importante organismo scolastico.

Il 2 giugno 1995 ha poi ricevuto l’Onorificenza di “Commendatore al merito della Repubblica Italiana” per meriti di lavoro nella Scuola a firma del Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro. Nello stesso anno è stato insignito del titolo di Accademico della Accademia della Cucina Italiana.

Dal 1988, ha partecipato alle sperimentazioni della scuola italiana, con il “Progetto ’92”, poi con il “Progetto 2002”.

Ha attivato, progettato e coordinato decine di progetti formativi per conto del Ministero della Pubblica Istruzione. Ha attivato e coordinato la partecipazione del proprio Istituto in progetti europei quali “Petra”, “In lingua”, “Leonardo”, “Socrates”, “Arion”.

Nelle foto: alcuni momenti della cerimonia di domenica pomeriggio al Centro Adriatico di Marzocca, impeccabilmente condotta da Mauro Pierfederici

————————

PER SAPERNE DI PIU’

 

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it