CICLISMO / A Ostra Vetere è andato in porto un grande Memorial Ceccacci

CICLISMO / A Ostra Vetere è andato in porto un grande Memorial Ceccacci

di UMBERTO MARTINELLI

OSTRA VETERE – Per le Marche ed i promotori delle Marche (ciclistiche, turistiche, imprenditoriali, colte e genialmente creative-ricreative) il Memorial Giancarlo Ceccacci è totale evento ciclocampestre.

LA QUARTA EDIZIONE supera le precedenti (già di successo) e rende appieno la solida e slanciata architettura organizzativa de ‘I Ciclopi’ – Polisportiva Avis Ostra Vetere nel Bike Park dell’antica Montenovo (147 concorrenti, pubblico attento e qualificato, ospitalità generosamente raffinata nella solare giornata).

Importante crocevia di due circuiti interregionali: Adriatico Cross Tour (5^ tappa) e Fertesino Master Cross Cup (8^ prova).

LORENZO CECCACCI (in regia) si avvale di un cast di assoluta eccellenza, specchio della vitalità del centro collinare dalla forte tradizione ciclistica.

PIETRO PAVONI (secondo nel 2016 dietro Marcelli) rompe gli indugi a metà corsa, dopo aver raggiunto l’abruzzese Mario Gabriele Di Mattia (infine d’argento) ed aver fatto coppia con lui per quattro delle dodici tornate.

E’ del biancoceleste élite sanseverinate (pure azzurro in carriera) in forza al Team Co.Bo. – 3 P Sport Pavoni la corsa open di Ostra Vetere, che premia con il bronzo il gemello del vincitore, Paolo Pavoni, già nell’albo d’oro del ‘Ceccacci’.

GABRIELE TORCIANTI predilige la strategia della corsa di testa dal primo all’ultimo metro: l’allievo senigalliese pluritricolore fila via da padrone con il nerogiallo del Bici Adventure – Piangiarelli Quintabà – Gagliole di patron Walter Tombesi.

IL LONGILINEO PRATISTA-GIOCOLIERE conferma il precocissimo talento (già quattro titoli nazionali in bacheca): logico frutto di una gran clan sportivo familiare (nonno Remo: pugile definito ‘Sfidante naturale di Cassius Clay’).

Podio per Luciano Camplone e Federico Bracci.

Gabriele è la prima delle due ‘maglie rosa’ del Giro d’Italia Ciclocross ad imporsi.

ELEONORA CIABOCCO (ulteriore famiglia tutta a pedali) veste l’altra: l’esordiente di Corridonia porta per l’ottava volta stagionale al successo (ogni gara un centro) il Team Di Federico Pink marco-abruzzese.

JACOPO CORTESE centra l’ennesima vittoria assoluta tra gli juniores, indossando il rosso del Team Masciarelli d’Abruzzo (anch’egli sempre agonisticamente davanti sull’anello tecnico di 2 km).

Con lui vanno a medaglia Giovanni Schiaroli e Matteo Napoletano.

BELLI E VINCENTI I NOMI dei capiclassifiche:

Sara Rossi (Team Di Federico – donne open),

Giorgia Simoni (O.P. Bike Porto S.Elpidio – allieve),

Anthony Silenzi (O.P. Bike – esordienti),

Paolo Di Donato (Amici Bici Junior – G6M),

Barbara Modesti (G.C. Matelica – G6F).

PRIMATI ASSOLUTI MASTER:

a Lorenzo Cionna (Bici Adventure Piangiarelli Quintabà – Elmt) e Giovanni Filippo Raimondi (Raven Team – M4).

ORI AMATORIALI di settore:

Christian Tarsi,

Fabrizio Iaconi,

Gianni Zanetti,

Paolo Sebastiani,

Rosario Pecci,

Franco Di Vita,

Mario Giulianelli,

Cinzia Zacconi.

SCUDERIE DI VERTICE:

Bikers in Libertà S.Benedetto del Tronto (partecipazione),

Cicli Cingolani (punteggio).

A OSTRA VETERE,  il ciclocross di elevata qualità ricrea il colorato villaggio nell’invidiabile area del Vecchio Campo Sportivo (un mito ed una selva di ricordi per varie generazioni) dell’antica Montenovo.

SUL COLLE DELL’ENTROTERRA anconetano viene rivitalizzata la ‘titanica’ tradizione campestre miseno-nevolana (capostipite: Americo Severini, ‘Barbarino’ pluritricolore e plurimedagliato mondiale professionisti).

VERA TAPPA del ribattezzato Piccolo Giro d’Italia di Ciclocross: per il colore ed il calore, per le suapplaudite maglie rosa giovanili, per la bellezza dei modelli di studenti-atleti (dalla Primaria all’Università).

TVRS: Giovedi’ Ciclismo  (22,30 – canale 11 – streaming).

Nelle foto: Pietro Pavoni, Gabriele Torcianti, Eleonora Ciabocco

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it