Il calcolo della Tari, Margherita Pedinelli: “Anomalie e disfunzioni che non riguardano San Costanzo”

Il calcolo della Tari, Margherita Pedinelli: “Anomalie e disfunzioni che non riguardano San Costanzo”

di MARGHERITA PEDINELLI*

SAN COSTANZO – “In merito alla vicenda di cui si sta discutendo sulla stampa nazionale concernente errori che alcuni comuni italiani avrebbero commesso in relazione al calcolo della TARI, il Comune di San Costanzo, precisa che tali anomalie e disfunzioni NON riguardano il nostro comune.

Esattamente, la criticità a cui fanno riferimento gli organi di informazione riguarda la quota variabile della tassa. Introdotta, a livello nazionale, nel 2014 per finanziare il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti, la TARI è composta da una quota fissa ed una quota variabile. La quota fissa è rapportata ai metri quadri dell’ abitazione, la quota variabile, invece, si riferisce ai componenti della famiglia. Nei comuni in cui si è manifestato l’errore, la quota variabile è stata maggiorata tante volte quante sono le pertinenze dell’ abitazione, mentre operando correttamente, andrebbe calcolata una sola volta sull’ insieme di casa e pertinenze immobiliari (box, soffitte, cantine, ecc.) sempre tenendo conto del numero dei familiari.

Il Comune di San Costanzo, attraverso il suo Ufficio Tributi, ha utilizzato il criterio corretto, quindi, i nostri cittadini non hanno pagato maggiorazioni derivanti da errori.

Infatti, la quota fissa della tassa per le utenze domestiche viene determinata applicando alla superficie dell’alloggio e delle pertinenze le tariffe per unità di superficie parametrate al numero degli occupanti. La quota variabile della tassa per le utenze domestiche è rapportata, invece, al numero degli occupanti ed è un costo che il nucleo familiare sostiene in base ai suoi componenti per coprire i costi variabili che il Comune sostiene per differenziare, trattare e smaltire i rifiuti.

Facciamo un breve esempio esplicativo: se un nucleo familiare abita in un appartamento ed utilizza le sue pertinenze (soffitta, garage, box, cantina, ecc.) tale famiglia pagherà una sola volta il costo rappresentato dalla quota variabile, mentre la quota fissa verrà pagata in base al totale dei metri quadri dell’ immobile.

Nella speranza di essere stata chiara ed esaustiva, vi ricordo che ogni dubbio o problema potrà essere risolto anche facendo riferimento all’ Ufficio Tributi del Comune di San Costanzo, recandosi di persona, o tramite telefono al n 0721/951242 oppure via mail al seguente indirizzo tributi@comune.san-costanzo.pu.it

*Sindaco di San Costanzo

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it