Al teatro Goldoni l’atteso gran finale di Corinaldo Jazz Winter con i Trace Elements

Al teatro Goldoni l’atteso gran finale di Corinaldo Jazz Winter con i Trace Elements

CORINALDO – Martedì 28 novembre ore 21.15 al teatro “Carlo Goldoni” ultimo appuntamento, patrocinato e ospitato dal Comune di Corinaldo, del Corinaldo Jazz Winter 2017 con i Trace Elements di Paolo di Sabatino featuring Dannis Chambers.

Grande è l’attesa per il ritorno sul palco corinaldese del trio di Paolo di Sabatino, Trace Elements, ospite per la terza volta nel borgo marchigiano. Rispettata anche la formula prevista dal progetto, ovvero il rinnovamento continuo dei musicisti che affiancano il leader Di Sabatino. In questo tour, la regia della ritmica è stata affidata al “mitico” Dennis Chambers, cui va il compito di interpretare a suo modo le composizioni del leader, dopo due fortunati tour di Trace Elements con Peter Erskine e Jo Jo Meyer.

Paolo Di Sabatino è da sempre legato alla formula del trio. La sua prima incisione, “Foto Rubate”, risale al 1996, realizzata con Massimo Moriconi al basso e con Massimo Manzi alla batteria. A partire da questa esperienza si è trovato a suonare e a registrare a suo nome con diversi musicisti, portando avanti in contemporanea un doppio binario: da una parte, un progetto internazionale dove hanno trovato posto artisti del calibro di John Patitucci, Horacio “El Negro” Hernandez, Gary Willis, Peter Erskine, Janek Gwizdala, JoJo Mayer, Christian Galvez e Dennis Chambers e, dall’altra un trio italiano composto, dal fratello Glauco Di Sabatino alla batteria e bassisti quali Daniele Mencarelli e Marco Siniscalco. Il trio italiano ha registrato e prodotto lavori anche in ambito pop accompagnando Antonella Ruggiero, Grazia Di Michele e recentemente Fabio Concato.

Il secondo elemento di Trace Elements è Dennis Chambers, musicista che ha iniziato a suonare la batteria all’età di quattro anni e successivamente ad esibirsi dal vivo nei locali dell’area di Baltimora. Autodidatta, è diventato nel tempo un session-man di successo molto apprezzato, oltre a rappresentare una figura di riferimento per i batteristi. Ha suonato in studio e dal vivo con John Scofield, John McLaughlin, Brecker Brothers, Carlos Santana, Bob Berg, Mike Stern, Tower of Power, Niacin, David Sanborn, Kevin Eubanks, solo per citarne alcuni.

Infine, noto come “il Jaco Pastorius cileno” per la sua grande abilità tecnica e per il virtuosismo, il terzo elemento, Christian Galvez, considerato uno dei bassisti elettrici di maggiore spicco, soprattutto nel campo della fusion e della musica latinoamericana. Molteplici le sue collaborazioni artistiche, che lo ha visto spesso al fianco di Billy Cobham o in tour in duo con altri colleghi del calibro di Victor Wooten, Stanley Clarke e Jeff Berlin.

Per informazioni 3294295102 o inviare una email all’indirizzo roundjazz@gmail.com

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it