Con un workshop di Pietro Del Bianco nasce al Musinf di Senigallia la raccolta di fotografia della natura morta

Con un workshop di Pietro Del Bianco nasce al Musinf di Senigallia la raccolta di fotografia della natura morta

Con un workshop di Pietro Del Bianco nasce al Musinf di Senigallia la raccolta di fotografia della natura morta

SENIGALLIA – Continua con successo l’attività didattica del Musinf. Questo scatto di Patrizia Lo Conte è stato eseguito durante il workshop di still life tenuto al Musinf venerdì scorso da Pietro Del Bianco. E’ anche la prima immagine ad entrare nella nuova “raccolta di fotografia della natura morta”, che, come ha comunicato Giorgio Pegoli, è una raccolta, che verrà periodicamente esposta dal Musinf in occasione della pubblicazione di un apposito Quaderno di  tecnica della fotografia, dedicato ai workshop di settore, programmati sotto la guida di Pietro Del Bianco ed ai quali sono aperte le iscrizioni presso il Musinf.

Con un workshop di Pietro Del Bianco nasce al Musinf di Senigallia la raccolta di fotografia della natura mortaPer iscriversi basta compilare e consegnare, entro il 20 novembre l’apposita scheda  di richiesta, rivolgendosi a Paolo Catalani, segreteria Musinf in orario di ufficio. Le iscrizioni sono gratuite. La prima edizione del Quaderno, oltre alle nuove acquisizioni sarà dedicato alle fotografie di natura morta presenti nella raccolta storica del Musinf tra cui quelle di Mario Giacomelli, Ferruccio Ferroni, Piergiorgio Branzi, Riccardo Gambelli.

Con Riccardo Gambelli, che ha fatto parte del Gruppo Misa e che è autore di fotografie di natura morta, caratterizzate da grande semplicità, bellezza ed armonia, Giorgio Pegoli sta programmando un incontro al Museo comunale d’arte moderna, perché gli allievi  possano ascoltarne direttamente la testimonianza.

Nato a Montegiorgio nel 1948, Pietro Del Bianco si è diplomato all’istituto d’arte di Macerata nel 1966. Punto focale della sua preparazione artistica è stato il saggio di Kandinsky “Punto, linea, superficie”. Ha lungamente praticato la scultura, in particolare la fusione in bronzo a cera persa. Libro d’artista e fotografia sono le passioni della sua vita. Animatore del gruppo F7 di Senigallia, è particolarmente conosciuto negli ambienti della fotografia per le sue splendide nature morte. Autore di libri d’artista, ha anche compiuto una ricerca estetica attenta sull’opera di Giorgio Morandi (1890-1964).

(Le foto sono di Patrizia Lo Conte)

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it