Dopo i furti nelle scuole di Senigallia denunciate dai carabinieri altre due persone e recuperata parte della refurtiva

Dopo i furti nelle scuole di Senigallia denunciate dai carabinieri altre due persone e recuperata parte della refurtiva

SENIGALLIA – I carabinieri della Compagnia di Senigallia hanno denunciato a piede libero due persone per furto aggravato e ricettazione. Si tratta di un 36enne senigalliese ed un 38enne russo residente in zona, entrambi disoccupati e già noti alle forze dell’ordine. L’operazione chiude il cerchio su una serie di furti commessi recentemente in danno delle scuole materne di Senigallia.

Le indagini, svolte dai militari della locale Stazione, hanno consentito di attribuire al 36enne la responsabilità del furto commesso la notte tra il 18 e il 19 settembre all’interno della scuola per l’infanzia “Vivere Verde”, di via Bramante, da cui venne trafugato un televisore 32 pollici “United” ed un tablet Samsung Galaxy Tab3, che erano stati acquistati dai genitori dei bambini per le attività didattiche all’interno dell’asilo. Il 36enne in caserma ha reso piena confessione, ammettendo gli addebiti ed indicando il luogo dove si trovava nascosta la refurtiva. Attraverso le informazioni acquisite, i carabinieri sono risaliti al russo che nei giorni scorsi era stato denunciato, insieme ad altre cinque persone, per ricettazione nell’ambito di un’altra indagine relativa ad un furto commesso all’interno di una villa.

Il 38enne ha quindi restituito ai militari il televisore ed il tablet che sono stati riconsegnati al dirigente scolastico.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it