Torna la banda dei bancomat: dopo due colpi falliti fatto esplodere nella notte l’impianto di Monte Porzio

Torna la banda dei bancomat: dopo due colpi falliti fatto esplodere nella notte l’impianto di Monte Porzio

MONTE PORZIO – La banda dei bancomat è tornata in azione nel nostro territorio. Nella notte c’è stato un vero e proprio raid, anche se i malavitosi sono riusciti ad andare a segno solo a Monte Porzio. Qui hanno fatto esplodere – alle 3.10 – il bancomat del Credito Valtellinese (ex Cassa di Risparmio di Fano). Ad agire, stando a quanto emerso dai filmati delle telecamere dell’istituto di credito, quattro malavitosi con il volto coperto. Notevole il bottino: 40.000 euro. Così come ingenti sono stati i danni causati all’impianto fatto esplodere.

In precedenza gli stessi malviventi avevano preso di mira, nella piazza di Calcinelli, il bancomat della Banca di credito cooperativo di Fano e, nella frazione Cerasa di San Costanzo, l’impianto dell’agenza del Credito Valtellinese.

In entrambi i casi l’arrivo di alcune persone (a Calcinelli di una guardia giurata dell’agenzia di vigilanza)  avevano fatto allontanare gli scassinatori.

C’è da aggiungere che a Calcinelli i componenti della banda dei bancomat, messi in fuga dall’arrivo del vigilante, sono stati anche costretti ad abbandonare l’esplosivo che doveva essere utilizzato per far esplodere il bancomat, tanto che sono dovuti intervenire gli esperti del nucleo artificieri dei carabinieri di Ancona.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it