All’Expo Ex di Senigallia una mostra con gli autoritratti proposti da undici fotografi

All’Expo Ex di Senigallia una mostra con gli autoritratti proposti da undici fotografi

All’Expo Ex di Senigallia una mostra con gli autoritratti proposti da undici fotografi

SENIGALLIA – Una mostra da non perdere all’Expo EX di Senigallia, (nei giardini della Rocca Roveresca).  Il Gruppo F7 ci ha sempre deliziato con l’esposizione dei loro lavori fotografici, anche questa volta, non è da meno, “… noi” è l’impegnativo titolo della mostra, nella quale 11 autori presentano autoritratti.

Non per niente a Senigallia l’autoritratto è di casa, Il Musinf, Museo d’Arte Moderna e della Fotografia, ospita l’Archivio Italiano  dell’Autoritratto curato dal Prof.  Giorgio Bonomi.

La mostra è aperta tutti i giorni fino al 22 Settembre, dalle ore 17,30 alle ore 20,00. L’inaugurazione è prevista domenica 17 settembre, alle ore 18,30.

Il Gruppo Fotografico F/7 nasce ufficialmente nel Marzo del 1990 dall’idea di alcuni amici che, uniti da una comune passione per la fotografia, decidono di intraprendere insieme un percorso amatoriale.

Il nome F/7 deriva dal numero dei 7 soci fondatori.

Si tratta di un’associazione autonoma con un proprio statuto che ha come finalità la diffusione dell’arte fotografica, il perfezionamento della tecnica e la promozione di eventi legati al mondo della fotografia, anche in collaborazione con altre associazioni fotografiche ed enti locali.

Il gruppo è iscritto alla Federazione Italiana Associazioni Fotografiche e non ha una sede definita, attualmente (e ormai da qualche anno) si riunisce presso le aule C.I.D.I. in Strada della Marina a Cesano di Senigallia ed annovera 48 soci. Le riunioni avvengono ogni 15 giorni circa sempre di lunedì alle ore 21,00.

Il circolo è inserito tra le associazioni della Consulta per la Cultura di Senigallia.

Il presidente attuale è il Sig. Pasquini Maurizio, vice presidente Marchini Massimo e segretario Pierfederici Marco.

Tra le principali attività svolte ci sono corsi di fotografia, mostre fotografiche, dibattiti con ospiti, fotoamatori e professionisti del mondo della fotografia.

All’interno del gruppo coesistono diverse “scuole di pensiero” che spaziano dai più moderni metodi di elaborazioni e stampe digitali, passando per la stampa in bianco e nero realizzata in camera oscura fino ad arrivare alle più antiche tecniche di ripresa come la fotografia stenopeica e gli antichi procedimenti di stampa a contatto utilizzati dai pionieri della fotografia.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it