SENIGALLIA / La Lega Nord: “Sulla sanità il presidente del Consiglio comunale ha scritto l’esatto contrario di quanto accaduto”

SENIGALLIA / La Lega Nord: “Sulla sanità il presidente del Consiglio comunale ha scritto l’esatto contrario di quanto accaduto”

SENIGALLIA – Da Michela Silvestrini e Sergio Taccheri (Direttivo Lega Nord Senigallia) e Davide Da Ros (coordinatore Lega Nord Senigallia e capogruppo in Consiglio comunale) riceviamo una pronta risposta al presidente del Consiglio comunale Dario Romano. Risposta che, però, ancora una volta, ha come punto focale, una indiretta polemica con il consigliere comunale Roberto Paradisi.

“Rimaniamo basiti – scrivono gli esponenti senigalliesi della Lega Nord – nel vedere come un Presidente di Consiglio comunale, Dario Romano, possa dare una notizia alla stampa e trasmettere un messaggio che è l’esatto contrario di quanto nella realtà è veramente accaduto.

“Il signor Dario Romano può spiegare a noi e ai cittadini da dove nasce tutto questo “feeling” tra lui, il Sindaco e il Consigliere Paradisi? Sempre il signor Dario Romano può spiegarci come mai nella Conferenza dei capigruppo sono state completamente ignorate le mozioni che erano state presentate sia dal nostro Consigliere, Davide Da Ros, che da altri e regolarmente protocollate? Il signor Dario Romano può spiegarci con quale “faccia tosta” parla di un documento “condiviso” quando sa benissimo che quel documento è iniziativa di un Consigliere, Roberto Paradisi, che lo ha presentato, dopo che pochi giorni prima aveva fatto “squillare le trombe e rullato i tamburi” per la presentazione di un Ordine del giorno, senza prima farlo leggere agli altri Consiglieri, comportamento non corretto che ancora una volta dimostra come qualcuno, il Consigliere Paradisi, abbia più a cuore il suo mettersi in mostra che l’argomento sanità.

“Pur conoscendo bene il Suo modus operandi, non si può proprio accettare che un Presidente del Consiglio mistifichi la realtà raccontando l’esatto contrario di quanto accaduto. Caro Presidente, le “ricostruzioni” non sono di parte come Lei scrive, e i fatti lo dimostrano. Ci dia una spiegazione, anzi la dia alla Lega Nord, che le piaccia o no è rappresentata in Consiglio dal Consigliere Davide Da Ros che aveva presentato e protocollato una mozione specifica , decisamente migliore dell’ordine del giorno limitativo del Consigliere Paradisi, che fine ha fatto detta mozione? Come mai Lei non ne ha voluto parlare nella Conferenza del 4 agosto? Come mai Lei e il Sindaco vi siete letteralmente “tuffati” sull’ultimo documento presentato dal Consigliere Paradisi ignorando totalmente i due che erano già stati presentati? A che gioco sta giocando signor Presidente del Consiglio? Vorremmo saperlo ed esigiamo da Lei una risposta pubblica visto che nel Suo comunicato stampa ha stravolto la realtà dei fatti.

“Quelli che Lei chiama “i positivi segnali del Sindaco”, a noi sembrano mosse politiche assai strane e dubbiose, perché, glielo ripetiamo, c’erano ben tre documenti già protocollati e presenti, ed uno era la mozione presentata dal nostro Consigliere Davide Da Ros, e facciamo veramente fatica a capire con quale criterio Lei e il Sindaco abbiano “preferito” appoggiarne un quarto del quale nessuno sapeva niente. Aggiungiamo che tutto quanto è avvenuto e detto nella Conferenza, è registrato ed è a verbale, quindi come può Lei, Presidente del Consiglio, stravolgere quello che è agli atti? Lei sa benissimo le osservazioni che nella Conferenza il nostro Consigliere Le ha rivolto, come mai non ci sono giunte spiegazioni in merito? Cosa dobbiamo pensare?

“Altra questione, forse la matematica non è il Suo forte, perché le proposte protocollate erano appunto 3 e non 4 come Lei scrive. Quale sarebbe la quarta? Ce lo spieghi per cortesia, perché quella del Consigliere Paradisi non lo era, quindi quel numero “4” da quale cappello a cilindro lo tira fuori?

“Egregio Presidente, la Lega Nord non è disponibile, e lo ribadisce con forza, a farsi prendere in giro e a sottostare ai giochi politici di chi ancora pensa di poter fare e disporre su tutti e tutto. Ergo, le annunciamo fin d’ora che il documento al quale il Sindaco sta “lavorando” non sarà approvato dal Consigliere Davide Da Ros. La Lega Nord, visto che ancora prevalgono “giochini e inciuci”, al prossimo Consiglio comunale, sempre tramite il suo Consigliere, si presenterà con la mozione protocollata che dovrà poi essere, obtorto collo, votata.

“Il gruppo Lega Nord Senigallia, per una maggiore trasparenza, allega i file della mozione (LegaNordMozione-Ospedale) presentata dal Consigliere Da Ros (la stessa è stata presentata anche dal Consigliere Sartini – Senigallia Bene Comune ) e del documento (Documento Consigliere Paradisi )portato dal Consigliere Paradisi durante la Conferenza dei Capigruppo (non protocollata ), proprio per dare la possibilità ai cittadini di Senigallia di valutare quale delle due era meritevole di essere presa in considerazione ed approfondita.

“La Lega Nord ancora una volta mette in evidenza che non “sono di parte” le ricostruzioni della vicenda, ma lo sono le azioni del Presidente del Consiglio e del Sindaco, che gestiscono il tutto secondo le loro desiderate e non di certo secondo una logica in favore dei cittadini, e questo i senigalliesi lo devono ben capire. L’intero Direttivo della Lega Nord – si legge sempre nel documento – da pieno mandato e consenso al Consigliere Davide Da Ros e sul suo operato”.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: