Primo Consiglio a Corinaldo per il confermato sindaco Matteo Principi

Primo Consiglio a Corinaldo per il confermato sindaco Matteo Principi

Presentata la nuova Giunta comunale, a trazione Pd. Interessante intervento finale del capogruppo di opposizione, Luciano Galeotti

Primo Consiglio a Corinaldo per il confermato sindaco Matteo PrincipiPrimo Consiglio a Corinaldo per il confermato sindaco Matteo PrincipiPrimo Consiglio a Corinaldo per il confermato sindaco Matteo PrincipiPrimo Consiglio a Corinaldo per il confermato sindaco Matteo PrincipiPrimo Consiglio a Corinaldo per il confermato sindaco Matteo Principi Primo Consiglio a Corinaldo per il confermato sindaco Matteo PrincipiPrimo Consiglio a Corinaldo per il confermato sindaco Matteo Principi

CORINALDO – Matteo Principi si è presentato in una sala consiliare gremita (la riunione, in un primo momento, doveva svolgersi in piazza Largo X Agosto) per presentare la sua nuova Giunta. Una Giunta – a trazione Pd – nel segno della continuità. O meglio, nel segno dello strapotere partitico, quello strapotere che, almeno nelle intenzioni, il confermato sindaco di Corinaldo, era deciso – in questa nuova legislatura – a combattere e nel quale rischia, invece, di rimanere sempre più impantanato.

Gli assessori che collaboreranno con Matteo Principi fino al 2022, così come deciso nei giorni scorsi – e da noi anticipato – sono Rosanna Porfiri (sarà ancora lei il vice sindaco), Giorgia Fabri, Riccardo Silvi e Lucia Giraldi.

E proprio facendo riferimento alla composizione della Giunta comunale è opportuno ricordare la composizione del nuovo Consiglio comunale, così come deciso (con il voto di preferenza) dai cittadini che si sono recati alle urne.

Per la maggioranza – oltre al sindaco Matteo Principi – sono stati eletti: Giorgia Fabri (la più votata, con 281 preferenze), Giacomo Anibaldi Ranco (210 preferenze), Riccardo Silvi (199), Rosanna Porfiri (187), Lucia Giraldi (164), Daniele Galli (119), Francesco Bruni (117), Simone Orciari (111).

Per la minoranza entrano in Consiglio comunale: il candidato sindaco Luciano Galeotti, Riccardo Piermattei (43 preferenze), Tamara Colombaroni (22), Adrio Testaguzza (18).

Designati i capigruppo consiliari (Giacomo Anibaldi Ranco per la maggioranza e Luciano Galeotti per la minoranza) si è proceduto al rinnovo della Commissione elettorale (sarà presieduta dal sindaco Matteo Principi) ed alla designazione del presidente della 2^ Commissione consiliare Permanente (Luciano Galeotti, considerato che da sempre è stato scelto tra i rappresentanti della minoranza). Successivamente il nuovo Consiglio comunale di Corinaldo ha anche provveduto al rinnovo del Consiglio di Amministrazione della “Fondazione Santa Maria Goretti” (eletto come presidente Federico Piersanti). Quindi si è proceduto alla proroga della convenzione per lo svolgimento, in forma associata, del servizio di segreteria comunale tra i Comuni di Corinaldo e Castelleone di Suasa (confermatissimo il segretario dottoressa Imelde Spaccialbelli) ed all’elezione dei rappresentanti nell’Unione intercomunale Misa-Nevola.

Di particolare spessore, al termine di questo primo Consiglio comunale, l’intervento del capogruppo di opposizione Luciano Galeotti, che, dopo essersi soffermato sulla scarsa partecipazione al voto dei corinaldesi (60,31% degli aventi diritto – 2.600 -,  contro il 78,77% delle precedenti consultazioni amministrative), ha fatto anche riferimento alle tante schede bianche e nulle (101 le schede bianche – 3,88% – e 96 quelle nulle – 3,69% -, mentre cinque anni prima erano state appena 31 le bianche e 48 le nulle).

Tanti, troppi, coloro che, questa volta, hanno disertato le urne. E Luciano Galeotti ha anche ricordato che, solo grazie alla presenza della sua lista (presentata all’ultimo momento – ndr) è stato evitato un lungo commissariamento del Comune. Quindi ha dato anche delle indicazioni (facendo incomprensibilmente irritare, sia il sindaco, sia due degli assessori) sulle azioni di governo che sarebbe bene attuare a Corinaldo, chiedendo alla Giunta comunale di occuparsi maggiormente dei problemi delle famiglie e del lavoro.

Nelle foto: i consiglieri comunali con il segretario; il sindaco con gli assessori ed il segretario; i consiglieri di maggioranza e quelli di opposizione; la sala consiliare gremita

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it