SENIGALLIA / Tempi troppo lunghi per il recupero delle potature dei giardini

SENIGALLIA / Tempi troppo lunghi per il recupero delle potature dei giardini

Il sindaco dovrebbe pretendere un miglioramento del servizio di raccolta dei rifiuti lungo le strade della città

 SENIGALLIA – Siamo in primavera e, nonostante il tempo che continua a far le bizze, tutti sono impegnati a sistemare i loro giardini. E, spesso, purtroppo, non riescono a smaltire i residui delle potature.

Questa volta, a segnalare la sua situazione, è Sergio Ioni. “La foto che vedete – scrive – è stata da me scattata praticamente di fronte alla mia abitazione, in Via Raffaello Sanzio 49 (a poco più di 300 metri dal centro storico). Dopo 3 giorni che quei sacchi, contenenti residui di potatura del mio giardino (il foglio bianco su uno dei sacchi lo dice chiaramente), nessun addetto della raccolta differenziata si è degnato di smaltirli”.

“Oggi – aggiunge Sergio Ioni – abbiamo telefonato al numero verde della ditta incaricata e ci è stato risposto che il Comune di Senigallia ancora è molto indietro per affrontare certi problemi”.

“Ai posteri l’ardua sentenza. Scusate lo sfogo”, conclude Sergio Ioni.

A questo punto considerato che ci troviamo nella stagione in cui bisogna dedicare un po’ d’attenzione anche ai giardini (e, di conseguenza, ci sono gli sfalci da collocare…) e siccome Senigallia è una delle più belle città delle Marche (e deve continuare ad esserlo) ci appelliamo al sindaco, Maurizio Mangialardi, affinché “imponga” (ormai non basta più chiedere o sollecitare…) ai suoi collaboratori un miglioramento del servizio di raccolta anche del verde. Con buona pace di tutti. Anche perché il disservizio (di questo, diciamolo chiaramente, si tratta) segnalato da Sergio Ioni non è un caso isolato. E quando il servizio di raccolta non funziona al meglio, si può anche rischiare l’abbandono dei rifiuti lungo le strade. E questo non va bene. Soprattutto per una città come Senigallia.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it