Scritti marchigiani, un nuovo saggio curato dal critico letterario jesino Lorenzo Spurio

Scritti marchigiani, un nuovo saggio curato dal critico letterario jesino Lorenzo Spurio

Sarà presentato domenica pomeriggio alla Biblioteca Luca Orciari di Marzocca

Scritti marchigiani, un nuovo saggio curato dal critico letterario jesino Lorenzo Spurio

di VINCENZO PREDILETTO

SENIGALLIA – Domenica 7 maggio alle 17:30, presso la Biblioteca comunale “Luca Orciari” di Marzocca, si terrà la presentazione al pubblico del nuovo volume del poeta e critico letterario jesino Lorenzo Spurio:  “Scritti marchigiani”, edito da Le Mezzelane Casa editrice di Santa Maria Nuova. Spurio ha raccolto una serie di suoi scritti critici su autori e poeti delle Marche, tanto viventi che non. Saggi, recensioni, note di lettura e postfazione che l’autore ha scritto negli ultimi anni e che, pur pubblicati in parte in rete o su altri volumi, ha deciso di presentare in un’unica forma raccolti in questo volume pregiato che porta come sottotitolo “Istantanee e miniature letterarie”. A completare il denso volume dove si parla, tra gli altri, dei poeti Massimo Ferretti, Franco Matacotta, Anna Malfaiera, Germana Duca Ruggeri, Feliciano Paoli (solo per citarne alcuni) e si danno nozioni anche in merito alla questione dialettale, è presente un pregevole apparato finale che contiene ventiquattro foto a colori di scatti che lo stesso autore ha fatto nel corso degli anni in suggestivi luoghi della Regione tra cui Genga, Marano (Cupra Marittima Alta), Senigallia, nonché Ancona, Visso e tanti altri ancora.

A parlare dei contenuti e dei vari contributi critici del volume sarà lo stesso autore, attivissimo Presidente della giovane Associazione culturale “EUTERPE” che ha ideato ed organizzato l’evento, assieme a Rita Angelelli (editore de Le Mezzelane) e al cultore locale Stefano Bardi che celebrerà un ricordo del noto poeta vernacolare anconetano Duilio Scandali (Udine,  1876 – Ancona, 1945), voce autentica del dialetto marchigiano nonché autore di opere molto celebri per la sua epoca tra cui “Scenette e scenate” (1900), “La Bichieròla” (1906) e “El vangelo de mi nona” (1948, postumo) che rappresentano pietre miliari –assieme alle opere di Palermo Giangiacomi – del dialetto anconitano.

Prosegue così il suo serio e intenso impegno nei confronti della letteratura locale, un lavoro che viene pubblicato un anno dopo il notevole successo e gradimento critico della preziosa opera antologica in due volumi “Convivio in versi” (PoetiKanten Edizioni, 2016) che Spurio ha presentato ampiamente nell’arco del 2016 nei maggiori centri della Regione.

Nella seconda parte si terrà un ricco e sostanzioso reading poetico con poeti del territorio che daranno lettura a propri componimenti attinenti alla Regione, alla sua ricchezza paesaggistica, alle sue tradizioni, tanto in lingua che in dialetto. Interverranno i poeti Elvio Angeletti, Franco Patonico, Marisa Landini, Elisabetta Freddi, Patrizia Papili Marchionni, Marco Bordini, Maria Luisa D’Amico, Ilaria Romiti, Maria Pia Silvestrini, Mario De Fanis, Vincenzo Prediletto, Piero Talevi, Edda Baioni Iacussi, Valtero Curzi, Letizia Greganti. Si tratta, quindi, di un evento culturale allettante e stimolante per i numerosi cultori ed appassionati di poesia e letteratura della nostra provincia oltre che per soci ed esponenti delle varie Associazioni culturali di Senigallia e dintorni.

www.associazioneeuterpe.com

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it