Il ruggito del campione: Mauro Guenci tenta un nuovo record mondiale

Il ruggito del campione: Mauro Guenci tenta un nuovo record mondiale

Il pluricampione di pattinaggio lancia un’altra sfida: un tour di 7.000 chilometri in 80 giorni lungo le strade d’Europa per superare il recordman Khoo Swee Chiow. La partenza da Senigallia

Il ruggito del campione: Mauro Guenci tenta un nuovo record mondiale Il ruggito del campione: Mauro Guenci tenta un nuovo record mondiale

guencimauroSENIGALLIA – Mauro Guenci non lascia, anzi raddoppia, tanto per usare una frase in voga all’inizio della metà del secolo scorso. Raddoppia con due progetti estremamente stimolanti, frutto di una attenta riflessione che l’età lo ha aiutato ad elaborare. Progetti che sono stati presentati questa mattina nel corso di un incontro con i giornalisti, alla presenza dell’esperto di marketing Domenico Gioia.

IL CHALLENGE – LA SFIDA: si tratta di un tour per le strade d’Europa, dove l’atleta senigalliese ha intenzione di superare il record mondiale, detenuto da Khoo Swee Chiow: formatore, motivatore e recordman di Singapore, che il 1 febbraio 2009, ha conseguito il record del percorso su pattini a rotelle in linea più lungo del mondo: 6088 chilometri percorsi in 93 giorni, da Hanoi Vietnam a Singapore, avventura durata dal 20 ottobre 2008 al 21 gennaio 2009.

E proprio per questo Mauro Guenci, ha intenzione di stabilire un nuovo primato: un nuovo record di percorrenza con i pattini in linea, questa volta di 7.000 chilometri da percorrere in 80 giorni.

I 7.000 chilometri saranno percorsi toccando le principali capitali europee, permettendo così di divenire elemento di promozione a livello internazionale dei partner economici e degli Enti che sosterranno l’impresa.

La sfida acquista un valore ancora più importante se si pensa all’età di questo atleta, quindi “un record nel record”, per questo motivo Mauro (che ha 51 anni) sarà seguito da un’equipe medica che effettuerà su di lui oltre che i normali controlli un attento monitoraggio.

La seconda sfida è legata alla FORMAZIONE.

Grazie alla grande esperienza che Mauro ha maturato a contatto con migliaia di persone sui circuiti di tutto il mondo, formerà personale aziendale di importanti aziende sia italiane che estere.

Un formatore, senza usare paroloni, come storyteller o coach, che tanto sono di moda, Mauro non ha bisogno di inventare storie da raccontare; lui la storia la fa.

Ma la sua avventura di formatore, di motivatore non si ferma solo all’aspetto aziendale, l’operazione sosterrà anche coloro che hanno bisogno di comprendere che nella vita non si è mai finiti e lo sport ce lo insegna.

“Lo sport praticato a livello agonistico, dice Guenci, insegna che “la sconfitta è una componente della vittoria” e non bisogna lasciarsi abbattere dalle avversità.

In un mondo estremamente competitivo, chi meglio di chi ha fatto della competizione la sua ragione di vita? Chi meglio di chi ha forgiato tanti giovani campioni?

Mauro quindi porterà la sua esperienza di campione nell’ambito della “competizione” di tutti i giorni, dove ci vuole molta forza d’animo per non lasciarsi travolgere dalle avversità della vita.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it