I proprietari delle aree edificabili e delle case non abitate obbligati dal Comune di Castelleone di Suasa alla pulizia

I proprietari delle aree edificabili e delle case non abitate obbligati dal Comune di Castelleone di Suasa alla pulizia

La decisione presa dal sindaco per assicurare il decoro e l’igiene pubblica all’intero paese

CASTELLEONE DI SUASA – Il sindaco Carlo Manfredi ha disposto che entro il 31 maggio, i proprietari di lotti edificabili e di aree di pertinenza delle case non abitate, devono ripulire il proprio appezzamento di terreno, in modo da assicurare il decoro e l’igiene pubblica all’intero paese.

Come ogni anno, si da avviso, in prossimità della stagione estiva, che devono essere ripulite le aree, mediante asportazione del seccume vegetale e di eventuali rifiuti presenti sui singoli lotti, al fine di evitare pericoli o danni per la salute pubblica, con divieto assoluto di eliminazione mediante accensione di fuochi, all’interno del centro abitato e di provvedere, a proprie cure e spese, allo smaltimento degli sfalci e dei rifiuti nel rispetto della normativa vigente.

La cittadinanza è stata avvisata, con appositi volantini, che ricordano, tra l’altro, di provvedere annualmente a tale adempimento senza necessità di solleciti, infatti gli interventi di manutenzione e pulizia dovranno essere effettuati ciclicamente e comunque, ogni qualvolta se ne ravveda la necessità, al fine di garantire la perfetta pulizia delle aree, evitando i ristagni d’acqua, con la conseguente proliferazione di zanzare e di animali in genere, l’abbandono dei rifiuti, la possibilità d’innesco di incendi ed evitare, così pericoli alla salute pubblica.

L’obbligo giuridico di ciascun proprietario è quello di attivarsi e provvedere nei termini stabiliti a quanto consigliato, poiché, a seguito di accertamento di eventuali inadempienze, si procederà ad interventi d’ufficio con spese a totale carico dei singoli proprietari oltre ad elevare sanzioni amministrative da parte della Polizia Locale.

www.castelleone.disuasa.it

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it