La Diocesi di Senigallia ha due nuovi sacerdoti: don Emanuele Piazzai e don Filippo Vici

La Diocesi di Senigallia ha due nuovi sacerdoti: don Emanuele Piazzai e don Filippo Vici

Saranno ordinati sabato, alle ore 21, nella Cattedrale dal vescovo Franco Manenti

La Diocesi di Senigallia ha due nuovi sacerdoti: don Emanuele Piazzai e don Filippo Vici

SENIGALLIA – La diocesi di Senigallia è in festa per due suoi nuovi presbiteri: Filippo Vici ed Emanuele Piazzai saranno infatti ordinati sacerdoti sabato 6 maggio 2017, alle ore 21, nella Cattedrale di Senigallia, con la preghiera consacratoria del vescovo diocesano Franco Manenti.

Don Filippo, 32 anni, ha coltivato la sua fede nella parrocchia di Santa Croce di Ostra e in Comunione e Liberazione. Iscritto a Medicina, si laurea nel 2010. Molto impegnato nella Pastorale giovanile, durante questa esperienza decide di entrare nel Seminario di Ancona. Ordinato diacono nel 2016, ha prestato servizio nelle parrocchie di Mondolfo e della Pace, a Senigallia “Il sacerdozio non è un traguardo e nemmeno del tutto un inizio: lo vivo come una continuità che è colmata dalla presenza di Dio”.

Don Emanuele, classe 1990, di Senigallia, è cresciuto nella parrocchia del Duomo, si è diplomato al Liceo Scientifico ‘E. Medi’ di Senigallia e a 19 anni entra nel Seminario dorico. Ordinato diacono nel 2015, ha prestato servizio nelle parrocchie di Trecastelli, Marina di Montemarciano e Marzocca. “Vivo questi giorni consapevole della mia fragilità, ma grato perché Dio l’ha trasformata in una grande opportunità di gioia e servizio”.

Don Filippo presiederà la sua prima Messa nella parrocchia di Santa Croce, ad Ostra, domenica 7 maggio, alle ore 10.45. Don Emanuele sarà invece nella chiesa Cattedrale alle ore 11.00.

Sarà possibile seguire l’Ordinazione in diretta streaming (www.diocesisenigallia.eu; profilo facebook e canale youtube Radio Duomo/Voce Misena) e sulle frequenze di Radio Duomo Senigallia, 95.200.

Nella foto: don Emanuele Piazzai, a sinistra; don Filippo Vici, a destra

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it