Finalmente anche sulla spiaggia di Senigallia si separa la sabbia dai detriti

Finalmente anche sulla spiaggia di Senigallia si separa la sabbia dai detriti

Dopo le polemiche continua l’intervento di pulizia dell’arenile

Finalmente anche sulla spiaggia di Senigallia si separa la sabbia dai detriti Finalmente anche sulla spiaggia di Senigallia si separa la sabbia dai detriti Finalmente anche sulla spiaggia di Senigallia si separa la sabbia dai detriti Finalmente anche sulla spiaggia di Senigallia si separa la sabbia dai detriti Finalmente anche sulla spiaggia di Senigallia si separa la sabbia dai detriti Finalmente anche sulla spiaggia di Senigallia si separa la sabbia dai detriti Finalmente anche sulla spiaggia di Senigallia si separa la sabbia dai detriti Finalmente anche sulla spiaggia di Senigallia si separa la sabbia dai detriti Finalmente anche sulla spiaggia di Senigallia si separa la sabbia dai detriti Finalmente anche sulla spiaggia di Senigallia si separa la sabbia dai detriti Finalmente anche sulla spiaggia di Senigallia si separa la sabbia dai detriti

SENIGALLIA – Finalmente anche a Senigallia la pulizia della spiaggia viene fatta nel rispetto delle disposizioni di legge. Pulizia, quindi, ma, nello stesso tempo, salvaguardia di un bene importantissimo per una città turistica come Senigallia: la sabbia, la preziosa sabbia di velluto.
Questa volta non sono stati rispettati, è vero, i tempi indicati dal sindaco, per la pulizia dell’arenile. Ma ciò è poca cosa, secondo noi, rispetto alla salvaguardia dell’ambiente costiero di Senigallia. Ed è questo, a quanto sembra, ciò che si sta facendo, con la separazione del legno e dei detriti e con il recupero della sabbia.
Probabilmente, per arrivare a ciò, doveva arrivare a Senigallia l’assessore regionale all’Ambiente Angelo Sciapichetti. Dopo la sua visita e le linee guida della Regione (che poi già esistevano), tutto è cambiato. E di questo bisogna darne atto a tutti i protagonisti.
Ora non resta che attendere la definitiva pulizia di tutto l’arenile di Senigallia (14 chilometri). Senza dimenticare la pulizia dei fiumi. Senza di questa si rischia nuovamente un’invasione massiccia di detriti.
Nelle foto (di Goffredo Marcosignori) i lavori in corso sulla spiaggia antistante il lungomare Mameli

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it